spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Trippa e poesia”, panzanesi in scena sabato 27 aprile alla casa del popolo di Panzano

    L'ingresso sarà libero, il divertimento assicurato. Nella Firenze degli anni cinquanta, un onesto e ingenuo trippaio si scopre poeta...

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – Nella Firenze degli anni cinquanta, un onesto e ingenuo trippaio si scopre poeta.

    Fra imprevisti e colpi di scena, può succedere di tutto, se ci sono di mezzo una “Marchesa” e il suo furbo maggiordomo, che però, a sua volta, non hanno fatto bene i conti con la moglie e la figlia del trippaio.

    La data si avvicina e finalmente, dopo una lunga gestazione, sarà possibile davvero vedere cosa accadrà sabato 27 aprile sul palco della casa del popolo di Panzano.

    In scena “Trippa e poesia”, commedia in tre atti in vernacolo con la regia di Valerio Vannucci.

    Attori panzanesi e dintorni riapriranno davvero il sipario: Maria Luisa Martelli, Robi Paladini, Andrea Miliani, Maria Teresa Benincasa, Monica Cennini, Carlo Castellacci, Deanna Bindi, Martello Fazzi, Andrea Massetani.

    L’ingresso sarà libero, il divertimento assicurato. Non resta altro che arrivare per le 21. Evento organizzato dalla casa del popolo di Panzano.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...