spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Medaglia d’oro al Merito Civile” dal presidente della Repubblica a Barberino Tavarnelle: domani la consegna

    Alle ore 17 in Palazzo Medici Riccardi (Salone Carlo VIII) a Firenze: per "le sofferenze patite durante la seconda guerra mondiale e in particolare per l'eccidio di Pratale"

    BARBERINO TAVARNELLE – Domani, martedì 9 aprile, alle ore 17 in Palazzo Medici Riccardi (Salone Carlo VIII) a Firenze, avrà luogo la cerimonia di consegna della “Medaglia d’oro al Merito Civile” conferita dal presidente della Repubblica al Comune di Barberino Tavarnelle.

    Un riconoscimento che richiama alla memoria “le sofferenze patite dalla comunità locale durante la seconda guerra mondiale”.

    E, in particolare, “in occasione dell’eccidio di Pratale, frazione dell’allora Comune di Tavarnelle, oggi Barberino Tavarnelle”.

    “La drammatica vicenda – si legge nella nota della Prefettura che annuncia la consegna della benemerenza – ha avuto luogo la sera del 23 luglio 1944, quando un gruppo di militari nazifascisti appartenenti alla 4^ Divisione Paracadutisti fece irruzione in alcuni casolari della zona”.

    “E – ricordano ancora dalla Prefettura di Firenze – separati gli uomini dalle donne e dai bambini, prelevò dodici contadini per condurli nell’attigua area boschiva, trucidandoli con raffiche di mitra quale atto di rappresaglia”.

    “Di tali drammatici eventi – conclude la nota – la comunità civile conserva a tutt’oggi viva memoria e ciò anche grazie alla preziosa testimonianza di Mirella Lotti, all’epoca bambina di 8 anni, che ha contribuito alla ricostruzione dei fatti e che prenderà parte alla cerimonia”.

    Mirella Lotti, sopravvissuta alla strage di Pratale, dove vennero uccisi il padre Giuliano e il nonno Carlo (nella foto che tiene in mano)

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...