spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A San Gusmè l’inaugurazione dei lavori realizzati con il “Bando città Murate”

    La cittadinanza è invitata a partecipare venerdì 12 aprile, alle ore 18, presso l'area del parcheggio sotto le mura. La Pro Loco offrirà un aperitivo ai presenti

    SAN GUSME’ (CASTELNUOVO BERARDENGA) – Venerdì 12 aprile, alle ore 18, a San Gusmè, presso l’area del parcheggio sotto le mura, si terrà l’inaugurazione dei lavori di riqualificazione del perimetro attorno alla cinta muraria, realizzati dal Comune di Castelnuovo Berardenga con la partecipazione al Bando Città Murate 2019.

    In occasione dell’inaugurazione la Pro Loco di San Gusmè offrirà ai presenti un piccolo aperitivo.

    “Si tratta di un intervento molto importante per la valorizzazione della cinta muraria -spiega Alessandro Maggi, assessore comunale al decoro urbano e viabilità – realizzato con un investimento complessivo di circa 300 mila euro, coperti dal Comune, in gran parte con risorse proprie, e con un contributo della Regione Toscana di 59.400 euro, assegnato nell’ambito del Bando Città Murate 2019″.

    “I lavori – racconta Maggi – hanno consentito prima di tutto di riqualificare via dei Fossi, che rappresenta la viabilità perimetrale all’intero centro storico murato. La via è stata rinnovata con la posa di un materiale meno impattante dell’asfalto classico, più adatto al contesto storico di un borgo dichiarato bene culturale”.

    “Inoltre – aggiunge – è stato creato un collegamento pedonale tra la via e il sottostante parcheggio e sono stati sistemati i vicini bagni pubblici, con l’adattamento dei locali all’uso da parte di persone con ridotta capacità motoria”.

    “Infine – conclude Maggi – la terrazza panoramica sopra ai bagni è stata riqualificata intervenendo sulla pavimentazione. Un progetto attraverso il quale il Comune ha perseguito una doppia finalità: migliorare il decoro urbano dell’intera area attorno alle mura e abbattere le barriere architettoniche per l’accessibilità ai bagni pubblici”.

    “Riteniamo importante conservare i luoghi storici del nostro territorio – afferma il sindaco Fabrizio Nepi – Intervenire per migliorarne la fruibilità significa consentire ai cittadini di frequentare questi luoghi e rendere più semplice viverli, per non disperdere il patrimonio di socialità che li caratterizza e li mantiene nel tempo”. 

    “Ringraziamo la Regione Toscana – sottolinea Nepi – che attraverso il Bando Città Murate consente alle amministrazioni comunali di poter lavorare sulla conservazione e valorizzazione di un patrimonio storico e architettonico ad elevato valore sociale e culturale”.

    I lavori rientrano in un più ampio progetto di riqualificazione che prevede per stralci successivi la creazione di un sistema di accoglienza turistica con un infopoint nei vecchi lavatoi, l’installazione di pannelli informativi e l’arredo di punti panoramici allestiti con sedute, oltre ad una nuova illuminazione architettonica lungo via dei Fossi.

    Tra qualche settimana è prevista l’installazione dei totem con la rappresentazione del castello, come si ipotizzava potesse presentarsi nel quindicesimo secolo, curata dal Maestro Massimo Tosi, di Tosi Millenaria, a seguito dello studio svolto da Fosco Vivi, coadiuvato da Mauro Lusini e da altre persone del gruppo di lavoro.

     Studio e rappresentazioni che saranno presentati nel convegno di sabato 11 maggio, nell’ambito della due giorni “Castelnuovo della Storia e dell’Arte”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...