spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 8 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo una nottata con tante piccole scosse, risveglio con una di magnitudo 2.4

    Epicentro sempre nella stessa zona, comune di Impruneta al confine con quelli di San Casciano e Greve in Chianti

    CHIANTI FIORENTINO – Prosegue lo sciame sismico nel territorio del Chianti fiorentino, dove dal pomeriggio di ieri, martedì 3 maggio, si stanno susseguendo scosse che stanno preoccupando la popolazione.

    Le maggiori sono state di magnitudo 3.7 nel pomeriggio e poi, dopo cena, 3.1 e 2.7.

    Sono invece decine e decine quelle di intensità minore, che si sono succedute anche durante la notte.

    Il risveglio, alle 7.05, è stato invece dato da una scossa di magnitudo 2.4.

    Epicentro sempre nella stessa zona, comune di Impruneta al confine con quelli di San Casciano  e Greve in Chianti (zona Ferrone, Luiano), è stata avvertita in maniera distinta dalla popolazione.

    Che ha, comprensibilmente, dormito con un occhio aperto e uno chiuso.

    Le amministrazioni comunali, insieme alle realtà di Protezione Civile locali, oltre a quelle metropolitane e regionali, stanno seguendo passo dopo passo la situazione.

    # Altre scosse di terremoto fanno tremare il Chianti fiorentino: magnitudo 3.4 alle 22.14, 2.7 alle 23

    # L’approfondimento dell’INGV dopo la scossa da 3.7: “Zona dalla pericolosità sismica media”

    # Chianti fiorentino, i sindaci: “Il terremoto non ha causato alcun danno a cose o persone”

    # Scossa di terremoto: epicentro fra Impruneta e San Casciano, magnitudo di 3.7

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...