spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domenica il gran finale: una giornata di eventi con associazioni da tutta Italia

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – Un grande programma quello per la festa (nel 38esimo anniversario della sua fondazione) dell'Avis di Strada in Chianti, che dal 2 al 7 luglio (con il patrocinio del Comune di Greve in Chianti) animerà piazza Landi, cuore dela frazione (nella foto sopra una delle scorse edizioni).

     

    Si inizia martedì 2 luglio alle 21.15 con il concerto di musica pop con il gruppo “R5” L’Estro Disarmonico. Mercoledì 3 luglio (sempre alle 21.15) concerto di musica anni Ottanta con il gruppo “Vercing ex”. Si prosegue giovedì 4 luglio con il vernacolo: alle 21.15 la compagnia “Oltrarno 94” presenta "Abbasso i mariti", due atti brillanti di Tito Zenni. Venerdì 5 luglio alle 21.15 concerto con il gruppo “Breathers in Arms”. Sabato 6 luglio concerto del gruppo musicale “Cantina Catelani”.

     

    Domenica 7 luglio grande giornata finale: alle 8.30 ricevimento delle associazioni consorelle (saranno tantissime) presso sede dell'Avis stradese nella piazzetta del volontariato (colazione offerta dalle donatrici); alle 9.30 sfilata per le vie del paese accompagnati dalla Filarmonica "Giuseppe Verdi” di Impruneta. Alle 10.15 Santa Messa, alle 11.30 cerimonia uffi ciale con la premiazione dei soci benemeriti nei giardini della scuola materna. Alle 13 pranzo sociale presso la sala delle feste di Chiocchio. Alle 21 chiusura ancora con la musica con lo spettacolo“Sheila live music".

     

    "Abbiamo un nuovo consiglio – sono parole del presidente dell'Avis stradese, Paolo Mariani – nel quale sono entrate forze nuove tra i quali diversi giovani. Siamo certi che questi nuovi innesti saranno in grado di fornirci nuovo “carburante” per studiare iniziative e nuovi metodi per sensibilizzare sempre di più i nostri concittadini".

     

    "L’impegno più grosso – prosegue –  è sempre quello di mantenere il rapporto con i donatori: sappiamo che a volte durante la donazione si verificano dei disguidi che causano disagi e allungamenti dei tempi di attesa, ma vogliamo impegnarci per migliorare l’accoglienza dei donatori. Come al solito chiediamo di farci presenti le richieste, le critiche e i suggerimenti per cercare di risolvere i problemi e per migliorarci".

     

    "Oltre alle attività relative alla donazione – ricorda Mariani – proseguono anche le nostre consuete e classiche iniziative per coinvolgere gli abitanti di Strada nelle nostre attività. Il Premio “Rione della Bontà”, istituito l’anno scorso, prosegue anche nel 2013 con una variazione al regolamento. Quest’anno, per dare a tutti i rioni le stesse possibilità di vittoria, abbiamo deciso di considerare la percentuale di donazioni effettuate in rapporto agli abitanti per compensare le grandi differenze che ci sono nel numero di residenti nei singoli rioni".

     

    Poi il saluto prima della festa, che "non sarebbe gioiosa se fine a sé stessa. Dovrebbe essere l’occasione per invogliare nuove persone a diventare donatori. Il bisogno di sangue è in continuo aumento, gli appelli che riceviamo per sollecitare i donatori sono sempre più frequenti e a volte ci piange il cuore quando non siamo in grado di rispondere e a inviare un nostro donatore al Centro Trasfusionale per aiutare chi in quel momento ha bisogno di noi".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...