lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    Riccardo Nencini a Greve in Chianti per una serata organizzata dal Psi sul No al referendum

    "Dietro alle vuote rivendicazioni di risparmio e di maggiore trasparenza ed efficienza, la tipica visione antiparlamentare di movimenti nati e cresciuti grazie all’utilizzo della più volgare retorica antipolitica"

    GREVE IN CHIANTI – Le ragioni del No al referendum secondo il Psi di Greve in Chianti verranno spiegate pubblicamente martedì 15 settembre alle 21.30 alla casa del popolo di Greve in Chianti.

    Nell’ambito di una serata organizzata dallo stesso Psi grevigiano, alla quale parteciperà il senatore Riccardo Nencini, presidente del Partito Socialista Italiano.

    “Il taglio dei parlamentari – dicono dal Psi di Greve – a fronte di un risparmio del tutto irrisorio per le casse dello Stato, costituisce un attacco alla rappresentanza degli italiani e alla tutela dei diritti di tutti i territori e delle minoranze”.

    “Dietro alle vuote rivendicazioni di risparmio e di maggiore trasparenza ed efficienza delle istituzioni – accusano – si nasconde la tipica visione antiparlamentare di movimenti nati e cresciuti grazie all’utilizzo della più volgare retorica antipolitica”.

    “Al contrario – rilanciano – per noi socialisti rimane saldo un principio: la rappresentanza degli italiani in Parlamento rappresenta l’essenza della democrazia nel nostro Paese”.

    “Per questo motivo – concludono – ci siamo sempre opposti a questa riforma costituzionale nelle sedi parlamentari e continueremo a farlo nel dibattito pubblico e, tra una settimana, nella cabina elettorale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino