spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta dice addio a Marcello Giani: la dolcezza e la forza nella lettera di saluto della moglie Danila

    "Il suo modo di essere ci ha aiutato, me e lui, ad affrontare il dolore più grande che si può provare nella vita, la perdita del nostro Francesco"

    IMPRUNETA – L’11 luglio Marcello Giani, imprunetino da sempre, si è spento dopo una tremenda malattia.

    Ieri mattina si sono svolti i funerali con rito civile, alla presenza di tanti amici.

    Al momento dell’ultimo saluto Danila, la moglie, ha letto una lettera scritta di suo pugno.

    Che ci è stata inviata chiedendone la pubblicazione. 

    Marcello era una persona che poteva piacere o non piacere, ma quelle a cui piaceva le conquistava.

    Per lui non esistevano compromessi: era sì o no, o bianco o nero. Era coerente, però ci si poteva parlare, e il confronto per lui è sempre stato importante. Era diretto, schietto, leale, in lui anche i difetti diventavano pregi.

    Conquistava le persone con la passione che metteva in tutto ciò che faceva, a suo tempo nella politica e nelle attività culturali; per esempio, Marcello ha organizzato più di una rassegna al cinema d’essai alla Casa del popolo nei primi anni ’80, e poi il primo “Sali al Pozzo”.

    Altre sue passioni erano naturalmente la Fiorentina, la musica jazz, il cinema, le letture, apprezzava la buona cucina e il buon vino, meglio se in compagnia.

    Soprattutto per lui era essenziale il rapporto con le persone, la ricerca della convivialità. Fondamentali erano le amicizie, ed erano tanti gli amici veri.

    Metteva passione nel vivere. Amava la vita. Con lui non ci si annoiava: una ne faceva e cento ne pensava… e progettava.

    La sua tenacia e la sua forza vitale gli hanno fatto combattere la malattia con forza e dignità. Non si è mai arreso, è stato lì, attaccato alla vita fin quando ha potuto.

    Questo suo modo di essere ci ha aiutato, me e lui, ad affrontare il dolore più grande che si può provare nella vita, la perdita del nostro Francesco.

    Senza amore non c’è dolore. Se c’è amore la perdita della persona amata ci procura un dolore immenso, ed io proverò questo dolore.

    Ma se ho imparato qualcosa da Marcello, se riuscirò a mettere nella mia vita anche solo una parte della passione che Marcello ha messo nella sua, troverò la forza e il modo di riappassionarmi alla vita, di tornare ad amarla.

    Questo è l’insegnamento di Marcello.

    Danila

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...