spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 16 Gennaio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle: “L’anno si inaugura con oltre 4milioni di opere pubbliche”

    L'amministrazione comunale: "Dalle scuole agli impianti sportivi, dai parcheggi alle piazze e alle viabilità". Il sindaco Baroncelli: "La cultura di comunità è la linea guida"

    BARBERINO TAVARNELLE – “Dalle scuole agli impianti sportivi, dai parcheggi ai servizi cimiteriali, dalle piazze alle viabilità: il Comune ha programmato e attuato rilevanti interventi di riqualificazione per quei tutti quei luoghi che conservano le radici del territorio e trasudano da ogni pietra pezzo di vita passata e presente del territorio. Barberino, Tavarnelle, Sambuca, Noce, San Donato, Vico d’Elsa, Monsanto, Marcialla, Zambra, Passignano, Tignano, Linari, Sant’Appiano, San Filippo, Romita, Petrognano Semifonte”.

    L’amministrazione comunale di Barberino Tavarnelle fa il punto tra cantieri aperti e opere finanziate, arrivando a una cifra complessiva di “oltre 4milioni di euro”.

    “Negli obiettivi politici-istituzionali della giunta – dicono dal palazzo comunale – la cultura di comunità diventa valore da assoluto da tutelare, stimolare con ogni strumento e risorsa, nonché linea guida per la programmazione e la realizzazione di progetti ed investimenti volti a dare risposte ai bisogni crescenti”.

    “E’ stato messo in campo – si prosegue – un ampio quadro di opere di efficientamento energetico, abbellimento, decoro, sicurezza. Gli interventi di rifacimento delle viabilità, accompagnati dalla realizzazione dei sottoservizi, si affiancano alla sostituzione dell’illuminazione pubblica, volta al miglioramento della qualità ambientale, alle opere di prevenzione e contrasto al dissesto idrogeologico”.

    “Un tema importante – spiega il sindaco David Baroncelli – è il rafforzamento delle infrastrutture del territorio, strade, aree a verde, sviluppo di nuovi spazi per la socialità, il risanamento delle aree più critiche dal punto di vista del dissesto idrogeologico e idraulico, attraverso la realizzazione di realizza di opere e l’esecuzione di progetti rivolti alla ricerca di finanziamenti futuri, Zambra, Bozzone, l’asta dell’Elsa, Marcialla, Barberino, Morrocco-Sambuca”. 

    “Abbiamo messo in cantiere – aggiunge – anche tanti progetti destinati alla creazione di nuovi spazi pubblici come, per fare solo qualche esempio, la riqualificazione di piazza Mazzini, della terrazza, del parcheggio del centro abitato di Barberino e il Podere degli Orti di Tavarnelle e la sua prossima approvazione nel piano attuativo, punto fondamentale dell’architettura urbanistica di Tavarnelle”.

    “Passando al tema della manutenzione degli immobili e dell’edilizia scolastica – continua il sindaco – il Comune è quasi al completo rifacimento del patrimonio scolastico, scuole innovative, anche dal punto di vista della didattica, all’avanguardia e sostenibili sotto il profilo ambientale e dell’autonomia energetica”.

    “Stiamo progettando la nuova scuola primaria di San Donato in Poggio – specifica ancora – l’adeguamento sismico della scuola dell’infanzia di Vico d’Elsa, la riqualificazione sismica ed energetica della scuola secondaria di primo grado Il Passignano, opera che si aggiungerà ai plessi esistenti, nuovi e riqualificati in ogni frazione”. 

    “In corso è la realizzazione della nuova palestra in legno lamellare nell’area del campo sportivo di Barberino Val d’Elsa – prosegue il primo cittadino – intervento collegato alla realizzazione della nuova palestra Luigi Biagi, pianificata tra gli obiettivi di qualità, e della nuova palestra della scuola primaria Andrea da Barberino, anch’essa in fase di realizzazione, finalizzata ad accogliere le attività motorie degli studenti e alcuni sport al femminile, con particolare riferimento alla ginnastica artistica e l’individuazione di spazi adeguati e specializzati”.

    Passando al settore Cultura, il Comune ha avviato le procedure per l’acquisizione del Cinema Olimpia di Tavarnelle.

    Entro la primavera lo spazio di via Roma diventerà di proprietà comunale, ed è destinato a divenire centro di produzione culturale, oltre che sala cinematografica.

    E ancora la nuova veste che assumerà il palazzo consiliare di Tavarnelle, in piazza Matteotti, di cui è in fase di esecuzione l’opera di ristrutturazione.

    Che innoverà l’edificio di inizio Novecento per trasformarlo in un punto di riferimento culturale e polivalente del territorio dove troveranno spazio la nuova biblioteca comunale, una sala di rappresentanza per le adunanze consiliari, finalizzato ad accogliere incontri, conferenze e iniziative culturali di vario genere.

    “Uno dei risultati più significativi ottenuti dal Comune – dicono ancora dall’amministrazione comunale – è stato l’ingresso, sancito la scorsa estate, nella rete nazionale delle Bandiere Arancioni e il conseguimento del relativo marchio turistico ambientale, rilasciato dal Touring Club per la prima volta al comune unico”.

    “Un motivo di grande soddisfazione per l’amministrazione comunale  – rimarca il sindaco – che ha visto confermare la filosofia con la quale Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle si sono riunificati all’alba del 2019, applicata nei principi e nei fatti: l’unitarietà, la valorizzazione di un territorio policentrico, caratterizzato da una pluralità di borghi e centri abitati, piccole grandi frazioni che danno forma e identità alla nostra comunità il cui tratto distintivo è lo spirito di coesione e solidarietà, vivo e presente nelle molteplici forme di volontariato che tanto preziose, se non indispensabili, si sono rivelate nel periodo dell’emergenza”.

    E’ stata proprio questa una delle azioni sulle quali il Comune si è concentrato maggiormente sotto il profilo degli investimenti.

    “Ci siamo impegnati con una progettazione puntuale – conclude il sindaco – preceduta da una ricognizione meticolosa dei bisogni ed elaborata sulla base delle priorità stabilite, tesa a migliorare la qualità della vita delle nostre frazioni, a dare risposte concrete ai piccoli centri, valorizzandoli come luoghi vitali di socialità, educazione, cultura e solidarietà”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...