spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Biblioteche Barberino Tavarnelle aperte più a lungo. Ed eventi pomeridiani per i più piccoli

    Il Comune estende l'orario di apertura al pubblico, con due giorni a orario continuato e un ricco calendario di momenti creativi dedicati ai bambini

    BARBERINO TAVARNELLE – Più aperture, più servizi, più eventi. Le biblioteche comunali “Ernesto Balducci” e “Alda Merini”, fulcri vitali del territorio di Barberino Tavarnelle, alzano il sipario su una nuova stagione culturale dedicata alle famiglie, ai giovani, ai bambini, a tutta la comunità appassionata di libri.

    Da lunedì 17 maggio si allunga il tempo della lettura e si incrementano i servizi attivi nelle due sedi, l’una in piazza della Repubblica a Tavarnelle, l’altra in via Mannucci a Barberino Val d’Elsa.

    Si amplia il tempo da dedicare a noi stessi, il tempo di coltivare momenti di crescita, conoscenza e condivisione attraverso il ricco patrimonio librario di Barberino Tavarnelle che complessivamente supera i 40mila documenti.

    Dopo aver attivato una collaborazione con una cooperativa per il rafforzamento del personale bibliotecario, il Comune introduce una nuova modalità di fruizione dei servizi bibliotecari che si articola su una netta estensione dell’orario di apertura al pubblico e su una ricca programmazione di iniziative e proposte dedicate ai più piccoli.

    Tante le novità messe in campo per la nuova campagna “Bibliopiù” che pone al centro il valore della lettura per tutte le fasce di età.

    Ad annunciarlo è l’assessore alla cultura Giacomo Trentanovi.

    “Saranno 28 le ore aggiuntive nel periodo estivo e 16 in quello invernale per entrambe le biblioteche – spiega – avremo inoltre due giorni con orario continuato, un’apertura serale alla settimana e il sabato pomeriggio, denso di eventi e iniziative dedicate ai bambini con letture e momenti creativi che allestiremo nella piazzetta Giuseppe Mazzini, a due passi dalla biblioteca di Barberino Val d’Elsa”.

    Il programma estivo si compone di sette appuntamenti (ore 17, con prenotazione obbligatoria) dal 29 maggio al 21 agosto.

    L’evento di apertura, che si terrà sabato 29, prevede la lettura de “L’Albero magico” di Christie Matheson (per bambini fino a 5 anni).

    “Abbiamo una risorsa straordinaria radicata nella nostra comunità, l’amore per la lettura, attestato da numeri importanti – continua l’assessore – 1.300 utenti attivi, 13mila prestiti all’anno, 4 circoli di lettura presenti in un comune di circa 12mila abitanti”.

    La vocazione per la lettura del territorio di Barberino Tavarnelle è stata riconosciuta con il premio nazionale “Città che legge”, assegnato al Comune la scorsa estate.

    NUOVI ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO

    Casa della Cultura “Alda Merini” Barberino Val d’Elsa

    Via Mannucci n. 11 – 0558052291 – bibliotecabarberino@barberinotavarnelle.it

    Orario di apertura

    • Lunedì 15 – 19
    • Martedì 9 – 19
    • Mercoledì 15 – 19
    • Giovedì 15 – 19
    • Venerdì chiuso
    • Sabato 9 – 13 e 15-19

    Biblioteca Comunale “Ernesto Balducci”, Tavarnelle

    Piazza della Repubblica n. 30 – 0558077100 0558050885 – bibliotecatavarnelle@barberinotavarnelle.it

    Orario di apertura

    • Lunedì chiuso
    • Martedì 15 – 19
    • Mercoledì 9 – 13 e 15 – 19
    • Giovedì 9 – 19
    • Venerdì 15 – 19
    • Sabato 9 – 13

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua