spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 15 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sindaco di Castelnuovo B.ga: “Con Matteo avremmo preso voti a Pdl e M5S”

    CLICCA QUI PER ACCEDERE

    ALLO "SPECIALE POLITICHE 2013 NEL CHIANTI"

    PER CONSULTARE TUTTI I DATI

    E I RISULTATI NEL NOSTRO TERRITORIO

     

    Fin da prime delle elezioni era stato sempre molto critico nei confronti del suo Partito democratico. E adesso che le consultazioni sono andate, il sindaco di Castelnuovo Berardenga Roberto Bozzi fa le sue riflessioni rimanendo su quella lunghezza d'onda.

     

    "Sono state elezioni prevedibili – spiega – Il Pd e il centrosinistra non sono stati di portare il dibattito sui loro temi caratterizzanti, ma hanno rincorso temi non propri su un terreno non proprio".

     

    "Io – prosegue – individuo almeno tre errori. Il primo è stato l'appoggio al Governo Monti: si doveva votare subito. Il secondo errore è non aver cambiato la legge elettorale, anche se era difficile farlo. Il terzo errore è stato quello di fare delle regole cervellotiche per limitare l'accesso alle primarie e aver visto vincere Bersani che agli occhi di tanti rappresentava il vecchio".

     

    Ma con Renzi candidato alla presidenza del consiglio sarebbe andata diversamente? "Avremmo avuto un risultato diverso – risponde Bozzi – prendendo voti sia al Pdl che al M5S, che non avrebbe certo fatto un risultato di questa portata. Perché è evidente dall'analisi del voto che c'è uno strappo generazionale: i "garantiti", i nonni e i padri, votano ancora per i partiti; i "non garantiti", i giovani, hanno dato un segnale forte votando in massa per Grillo. Per il quale è troppo semplicistico dire che non fa proposte".

     

    A Castelnuovo Berardenga (non proprio una "roccaforte rossa") il Pd si è attestato poco sotto il 40%. Nell'intera provincia di Siena, pur prendendo una bella scoppola, non è sprofondato come qualcuno prevedeva: "La campagna mediatica sullo scandalo MPS è stata forte – dice Bozzi – ma io non mi aspettavo il tracollo perché qua il Pd esprime classe dirigente e progetti per il futuro".

     

    Chiudiamo con uno sguardo al futuro: "Mi auguro che si possa comporre un Governo con alcuni obbiettivi chiari. E poi, in termini ragionevoli di tempo, tornare a votare. Adesso però c'è bisogno di stabilità: e non solo per i mercati, lo dico anche da amministratore. I Comuni non possono più vivere in questo modo, senza sapere fino all'ultimo tuffo su quali  risorse possono contare per fare i loro bilanci e investimenti".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...