spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Auto in fiamme nel parcheggio della Coop, ipotesi malfunzionamento batteria

    L'incendio partito da una delle macchine, che era ferma da una ventina di giorni, si è propagato a quella vicina

    IMPRUNETA – Due auto incendiate nel parcheggio della Coop di Impruneta.

     

    E' stato un risveglio movimentato questa mattina a Impruneta dove i vigili del fuoco del Comando di Firenze sono dovuti intervenire per domare le fiamme che, partite da una autovettura, si sono propagate a quella vicina.

     

    La squadra dei pompieri, avvisata appena è stato avvistato il fumo uscire da una delle macchine, è riuscita ad avere la meglio sull'incendio in pochi minuti e non ci sono persone coinvolte.

     

    Le auto sono comunque inutilizzabili, una di queste appartiene alla famiglia di Maria Teresa Lombardini, ex consigliera comunale del Pdl, coordinatrice di Fratelli d'Italia a Impruneta. L'auto era ferma nel parcheggio da una ventina di giorni.

     

    FIAMME NELLA MATTINA – Nella parte bassa del parcheggio della Coop di Impruneta

     

    Per i vigili del fuoco non ci sarebbero dubbi, è questa l'auto da cui sono partite le fiamme: l'incendio sarebbe stato causato da un problema alla batteria. I proprietari avvisati dai vigili urbani sono arrivati sul posto a incendio domato. Stupefatti e affranti.

     

    Per alcuni dei presenti però è stato inevitabile andare indietro nel tempo, ai mesi, era il 2014, in cui l’incubo-piromane fece danni e creò apprensione per settimane. Gli incendi avevano riguardato in particolare la zona dei Sassi Neri. Alla fine le forze dell'ordine arrestarono un minorenne.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...