spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bandi case popolari 2024 a Radda in Chianti: assistenza SUNIA per le domande

    La compilazione delle domande per il bando di Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.) del Comune raddese scade il 25 marzo

    SIENA – Il SUNIA di Siena offre assistenza nella compilazione delle domande per i due recenti bandi di Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.) dei Comuni di Asciano, Buonconvento, Radda in Chianti e Monticiano, con scadenza 25 marzo, e dei Comuni di Colle di Val d’Elsa, Casole d’Elsa, Radicondoli e San Gimignano, con scadenza 9 aprile.

    Il Sindacato degli Inquilini ed Assegnatari riceve su appuntamento chiamando il 3920170282 oppure inviando una email a sunia.siena@sunia.it oppure andrea.quadri18@gmail.com.

    Per compilare le domande per le case popolari sono obbligatori i seguenti documenti: copia carta d’identità del richiedente; Redditi imponibili 2022 di ogni componente familiare; fotocopia ISEE 2024.

    Copia contratto di locazione; fotocopia di eventuali permessi di soggiorno di ogni componente del nucleo familiare; eventuale sfratto (intimazione/convalida o avvenuta esecuzione); fotocopia di eventuale certificato d’invalidità.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...