spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 24 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Grassina, tagliati i pini nel parcheggio della CdP. La presidente Chiavacci: “Poteva essere una disgrazia”

    Dopo il crollo di mercoledì, "l’agronomo intervenuto nella sua relazione ha confermato la necessità di dover abbattere anche gli altri alberi vicini"

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – “Poteva essere una disgrazia”: non usa mezzi termini Francesca Chiavacci, presidente della casa del popolo di Grassina, nel commentare quello che è accaduto mercoledì scorso, con un pino del parcheggio dia via Bikila che si è schiantato al suolo.

    Pino che ha distrutto un’auto e danneggiato gravemente un’altra, finendole sul cofano mentre stava viaggiando. E che è venuto giù in una zona dove si svolge abitualmente il mercato del venerdì mattina.

    Mercato che ieri, venerdì 29 marzo, ha potuto svolgersi grazie all’immediato intervento della stessa CdP, proprietaria dell’area. Che quotidianamente viene usata per parcheggiare dai soci del circolo, ma anche da tanti residenti (e non solo).

    “C’era la necessità di mettere in sicurezza tutta l’area – racconta la presidente Chiavacci – consentendo anche il normale svolgimento del mercato settimanale del venerdì, ed evitando ulteriori ripercussioni sulla viabilità nei giorni successivi, per lo svolgimento per le vie del paese della Rievocazione Storica del Venerdì Santo”.

    Francesca Chiavacci

    “Grazie anche alla collaborazione con il Comune – sottolinea – i lavori si sono svolti velocemente”.

    “L’agronomo che è intervenuto per constatare la situazione subito dopo la caduta del pino – evidenzia Chiavacci – nella sua relazione ha confermato la necessità di dover abbattere anche gli altri alberi vicini, il cui rischio di caduta era aumentato”.

    La situazione riguardante questa superficie è ancora da definire: “L’esproprio da parte del Comune di questa area non è ancora avvenuto ed è una trattativa che va avanti ormai da qualche anno” continua ancora la presidente.

    “La casa del popolo di Grassina – aggiunge – da sempre svolge un servizio pubblico, perché in questo spazio vengono parcheggiate le auto liberamente”.

    “E’ evidente che è uno spazio importante – ammette – e chiuderlo anche temporaneamente crea disagio per i tanti che ne usufruiscono”.

    “Ma talvolta – conclude – non viene considerato che si tratta comunque di una proprietà privata: che è stata a disposizione per tanto tempo gratuitamente”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...