spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Per i Sancascianesi di Mestiere questa settimana facciamo tappa fra giornali e… balocchi

    SAN CASCIANO – Si dice che dietro il successo di un uomo si nasconda una grande donna e per Marino Vignoli è andata proprio così: il Bazar 48 è della moglie Anna Maria Piazzini, ma anche lui è entrato nel cuore dei sancascianesi.

     

    E ha tutte le intenzioni di non interrompere il rapporto di affetto reciproco che ha intrapreso con la nostra comunità.

     

    "Io e Anna ci siamo conosciuti al Poggetto ai tempi della crisi del petrolio del 72-73 – racconta Marino – La domenica non si poteva circolare con le macchine e allora s'andava a ballare in Sita".

     

    Originario di Firenzuola, Marino è sancascianese d'adozione: "Ci siamo sposati qui nel '78 e un anno dopo s'è comprato questo negozio di giornali", ricorda.

     

    "Io ho lavorato in un'azienda farmaceutica a Sesto Fiorentino per 33 anni – dice – mentre Anna faceva con passione il suo mestiere".

     

    Marino ha aiutato fin da subito, ma adesso che è in pensione partecipa di più. Prima si occupava anche dei rifornimenti, perché le ditte non effettuavano consegne: "Andavo a lavorare a Sesto ed era comodo che la roba la portassi io. Però fare tutto insieme non era facile e qualcosa m'è capitato di perderlo per strada", sorride.

     

    "Un anno – ci racconta – avevo messo le luci per gli alberi di Natale nel portapacchi sopra l'auto e all'uscita della superstrada mi fermai per vedere se dovevo stringere qualche nodo. Non c'avevo più nulla! Un signore accostò e mi disse che avevo perso tutto, dal cimitero degli Americani in poi. Provai a tornare a vedere, ma era buio e mi sfrecciavano accanto. Manca poco mi portano via!".

     

    "Un'altra volta – continua Marino – ero andato a prendere la cancelleria. Ero in viale di Novoli e uno mi fece un cenno dalla corsia a fianco. Pensai che mi salutasse ed educatamente lo ricambiai. Mentre ancora mi chiedevo chi fosse, vidi un foglio svolazzare dallo specchietto: avevo lasciato l'agenda sul tettuccio e quello aveva provato a farmelo capire".

     

    Il nome storico del negozio significa che dentro si vende un po' di tutto ed infatti andare "Da Marino" è una dannazione per i genitori a spasso coi figli, che subito spariscono nell'angolo dei balocchi.

     

    Si entra per comprare le pile e si esce con una pistola ad acqua ed un pacchetto di figurine: "Sarebbe un lavoro monotono se tenessimo soltanto giornali – afferma Marino – ma ci sono articoli di cartoleria, cancelleria e giocattoli".

     

    "È bello consigliare i clienti per un regalo – aggiunge – ma il passare del tempo fa impressione: i bambini che finiscono la terza media poi vanno a Firenze, cambiano giro e tante volte non li riconosci più".

     

    "San Casciano è una miniatura dell'Italia", continua. "Si va verso il multiculturale e c'è più gente straniera, come in città… . E come in tutti i posti manca un po' di lavoro. Mi auguro che la situazione cambi, soprattutto per le famiglie".

     

    Ben 36 anni al negozio di giornali e una vita tra i Sancascianesi: "Qui ci si trova molto bene – sostiene Marino – Lo dicono anche le persone di fuori. È molto diverso da Firenzuola, che sembra quasi… fuori dalla civiltà".

     

    "Questo è più di un paese – aggiunge – Si ha la sensazione di stare in una cittadina e ci sono tutti i servizi. Negli anni s'è continuato ad allargarsi con le case al Gentilino, alla Stianti e da noi al Cancello Rosso. Ne abbiamo beneficiato tutti e i sancascianesi mi piacciono. Passano tante persone ogni giorno: si fanno sempre le solite battute e si instaura un rapporto di abitudine. Non affezionarsi ai clienti è praticamente impossibile e questo lavoro si fa per forza volentieri".

     

    Anna Maria è in pena per la salute dei negozi, perché i supermercati vendono tutto quello di cui c'è bisogno in un posto solo: "Prima la cancelleria non c'era, ma hanno preso anche quella. Questo ci preoccupa un po' e ci troviamo a sperare di sopravvivere".

     

    "Vogliamo portare avanti l'attività finché riusciamo – conclude Marino – anche se i nostri figli hanno preso altre strade".

     

    Lucrezia fa l'insegnante di matematica e Mattia lavora come carrozziere: "In questo momento di crisi non è facile pensare di vendere. Non si può lasciare ai primi venuti, ma tra qualche anno dovremo deciderci: è giusto dare spazio ai giovani, perché sono più motivati di noi e porterebbero di sicuro qualche novità".

     

    Ad Anna Maria la "fama" di Marino non dispiace: lo rimprovera per la sua sbadataggine e insieme scherzano con una signora.

     

    A guardarli pare proprio che lo spirito di chi si serve da loro li abbia contagiati, congelando il loro entusiasmo vivace agli anni dei bambini che razzolano tra i giocattoli e si scelgono il più bel peluche.

    di Martina Mecacci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua