Sabato 25 maggio 2019  1:43
il Gazzettino del chianti e delle colline fiorentine
SAN CASCIANO V.P.
30.01.2019
h 13:05 Di
Redazione
Sabato firma del Contratto di Fiume del Torrente Pesa alle Cantine Antinori
Dalle 14. Pomeriggio aperto a tutti (previa prenotazione) per un momento importante per il "nostro" fiume
immagine

BARGINO (SAN CASCIANO) - “I fiumi scorrono ma non lo faranno per sempre. Servono nuovi sogni, adesso”: è questa la frase, tratta dal testo di una canzone della celebre rock band degli U2, con la quale si riassume lo spirito dell’evento della firma del Contratto di Fiume del Torrente Pesa di sabato 2 febbraio, a partire dalle 14 presso le Cantine Antinori del Bargino.

 

I sindaci dei Comuni della Val di Pesa, Città Metropolitana di Firenze, Università degli Studi di Firenze, Autorità di Distretto dell'Appennino Settentrionale, Autorità Idrica Toscana ed altri enti ed associazioni locali che hanno già aderito, sottoscrivono il documento fondante di un percorso di partecipazione che, intorno al torrente, possa creare una vera e propria identità di vallata per progetti unitari di tutela ambientale, valorizzazione turistica e sviluppo economico.

 

Il programma del pomeriggio prevede, oltre alla cerimonia di firma, diversi interventi istituzionali in una location suggestiva e di alto valore simbolico che si affaccia proprio sulla Pesa: l’invito è rivolto a tutti (partecipazione gratuita previa comunicazione per motivi organizzativi a info@cbmv.it o 0554625772) semplici cittadini, rappresentanti di associazioni di vario genere, aziende agricole, cantine, alberghi, ristoranti, realtà produttive e a chiunque abbia idee, voglia di mettersi in gioco e fare la propria parte per contribuire a migliorare la disponibilità e la qualità della risorsa idrica, valorizzare il patrimonio ambientale, agro-alimentare, sociale e culturale, promuovere uno sviluppo sostenibile, la mobilità dolce e sviluppare i primi elementi di marketing turistico-territoriale.

 

Esperienza pilota a livello regionale, finora il lavoro preparatorio è stato promosso dal Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno e portato avanti da un gruppo di lavoro intercomunale nell’ambito di un finanziamento Open Toscana dell’Autorità Regionale per la Garanzia e la promozione della partecipazione con il titolo “Pesa anche tu” (http://open.toscana.it/web/pesa-anche-tu).

 

Individuato lo scenario, definiti gli obiettivi e le azioni necessarie e deliberati gli impegni di ciascuno con la firma del “Contratto di Fiume” si apre la fase più concreta del progetto: invitare e coinvolgere gli operatori economici, le associazioni di categoria, gli agricoltori e le associazioni culturali e di volontariato locale che vivono e operano nel bacino della Val di Pesa perché ciascuno porti il proprio punto di vista e il proprio contributo in maniera costruttiva, coordinata e unitaria su tutta la Valle.

 

I temi su cui agire e le cose che si possono fare sono tante e di vario genere: dalla tutela ambientale (si pensi ad esempio alle esperienze di monitoraggio della qualità delle acque già avviate a Tavarnelle e San Casciano) alla difesa del suolo (ad esempio mediante una gestione delle fasce ripariali condivisa dal Consorzio di Bonifica, insieme ai Comuni e alle associazioni ambientaliste); dalla questione della risorsa idrica (tema particolarmente sentito nella bassa valle dove l’acqua ormai è quasi totalmente assente in superficie per lunghi periodi specie tra la Ginestra e Montelupo) alle necessità per uno sviluppo economico sostenibile (la valle è in pieno territorio geografico del Chianti).

 

Dalla valorizzazione del paesaggio e la fruizione delle bellezze storiche, artistiche e culturali (il Percorso della Pesa è la spina dorsale fondamentale di una fitta rete di percorsi di mobilità dolce e sostenibile) alle maggiori potenzialità di attrattività turistica nel caso in cui la valle potesse promuoversi con una identità chiara, precisa, unitaria (di qui le prime idee dell’hashtag #Pesashire o di un sito internet, un logo, un brand riconoscibile come per le più belle valli dolomitiche).

ARCHIVIO NOTIZIE