spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un Taxi per Margherita: per un messaggio che ogni giorno viene portato in giro a Firenze

    L'antellese Andrea Sollazzo ha dedicato le fiancate del suo mezzo a diffondere il messaggio per la bimba ripolese

    BAGNO A RIPOLI – Un Taxi per Margherita, per far viaggiare ed arrivare lontano il suo messaggio affinché in tanti possano conoscere la sua storia.

     

    Una storia ormai abbastanza nota sul territorio di Bagno a Ripoli che ha visto nascere di recente l’associazione “Un petalo per Margherita Onlus”. Ma di cui è necessario sempre parlare, dietro alla quale c’è una rara malattia genetica, tremenda.

     

    L'Atassia di Friedreich di cui è affetta una bambina ripolese, "ribattezzata" (per tutelarne al massimo la privacy) Margherita.

     

    Le fiancate del taxi 143 sono state colorate con l’immagine che ne è diventato il simbolo, una margherita appoggiata su un prato verde speranza.

     

    E Andrea Sollazzo, antellese, il proprietario, lo sta facendo girare per Firenze come una bandiera.

     

    AMICI – Andrea Sollazzo (a sinistra) con Dimitri, il babbo di Margherita

     

    “Un piccolo gesto” lo definisce lui con semplicità. “In nome anche di una vecchia conoscenza con i genitori di Margherita che risale a quando eravamo dei ragazzi e andavamo al solito campeggio” ci racconta Andrea.

     

    Un messaggio di solidarietà forte, che nasce dalla voglia di poter fare qualcosa di concreto per far conoscere questa realtà, immedesimandosi forse da genitore a genitore.

     

    “Da quando ho saputo che era nata l’associazione “Un petalo per Margherita Onlus” – dice Andrea – ho pensato se avessi in qualche modo potuto contribuire a farla conoscere, a darle visibilità. E mi è venuto in mente che l’avrei potuta portare in giro con me, sopra al mio taxi”.

     

    “Ho chiesto naturalmente ai genitori se fossero stati d’accordo – prosegue – così ho provveduto a fare tutto il necessario, spese comprese".

     

    NEL CUORE DI FIRENZE – Il Taxi per Margherita… davanti al Duomo

     

    I genitori di Margherita hanno voluto ringraziarlo simbolicamente incontrandosi lunedì 22 maggio a Grassina, insieme anche a due consiglieri dell’associazione(Annamaria e Marika) per bere qualcosa insieme, ricordando anche i tempi in cui erano dei ragazzi.

     

    “Noi siamo naturalmente molto grati ad Andrea per il gesto che ha fatto. Semplice come dice lui ma affatto scontato” ci dicono Cinzia e Dimitri, i genitori di Margherita, quando li incontriamo insieme ad Andrea ed alla moglie.

     

    “Per noi – concludono – è molto importante  dare voce a questa realtà affinché la si possa conoscere e se ne possa parlare”.

     

    Andrea  racconta infatti che è già capitato di alcune persone che osservando il suo taxi chiedessero spiegazioni in merito. Come anche i suoi colleghi, molto sensibili e attenti a situazioni simili. Spazio quindi alla solidarietà vera.

     

    di Silvia Rabatti

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...