venerdì 23 Ottobre 2020
Altre aree

    Vivere di gusto: il modo di essere di Ruffino. Campagna all’insegna del buono e della convivialità

    “Vivere di Gusto” beneficerà di una ambiziosa campagna televisiva di lancio. A metà degli anni ’70, per l’ultima volta, il marchio Ruffino veniva promosso in televisione

    POGGIO CASCIANO (BAGNO A RIPOLI) – Dopo oltre 140 anni dalla sua fondazione, Ruffino continua a esprimere la storia e l’identità italiana in ogni bottiglia di vino prodotta.

    E oggi tutto ciò che la storica casa vitivinicola rappresenta e vuole comunicare trova spazio e si realizza nella filosofia “Vivere di Gusto”.

    L’espressione “Vivere di Gusto” incarna l’attitudine tutta italiana di saper afferrare la vita nella sua pienezza, rifuggendo l’ostentazione e prediligendo l’elegante semplicità, il buon cibo, la forza di un sorriso, il piacere dello stare insieme informale e “pop”.

    Lo stesso “Vivere di Gusto” che Ruffino, attorno a un buon bicchiere di vino, ha sempre contribuito a ricreare: si pensi al fiasco di Chianti, simbolo della Dolce Vita, o la storia di Riserva Ducale, icona di convivialità italiana nelle tavole di tutto mondo, o il Rosatello, innovativa espressione di briosa gioia di vivere, esattamente come il più recente Prosecco. Vini inclusivi, non esclusivi.

    “Vivere di Gusto” beneficerà di una ambiziosa campagna televisiva di lancio. A metà degli anni ’70, per l’ultima volta, il marchio Ruffino veniva promosso in televisione: si alzavano gli ultimi sipari di Carosello e, nelle tv degli italiani andava in onda lo spot “Un modo di fare cultura”.

    Nel 2020, quasi 50 anni dopo, Ruffino tornerà a fare comunicazione in televisione sulle reti Mediaset, dal 27 settembre al 10 ottobre.

    Il messaggio verrà declinato anche in due importanti spazi digitali: è appena stato lanciato un “brandjournal”, www.viveredigusto.it, che svilupperà con grazia informativa il concetto di vivere di gusto italiano, ed è stato rinnovato il sito www.ruffino.it, immagine della multiforme realtà Ruffino che conta 6 tenute in Toscana, 2 in Veneto e una offerta di vini capace di compiacere ogni palato.

    È in quest’ottica di relazione diretta e immediata col consumatore finale che il nuovo sito vede anche la presenza di un e-commerce integrato e un collegamento con il servizio di home delivery di Winelivery: una duplice possibilità di scelta, al fine di soddisfare tutte le esigenze, dove poter acquistare in modo pratico e veloce la gamma completa dei prodotti Ruffino.

    Infine, anche la strategia social su Instagram e Facebook sarà funzionale a dare vita al concetto di “Vivere di Gusto”.

    E “Vivere di Gusto” brillerà ancora più chiaro presso l’agriturismo Poggio Casciano di Tenute Ruffino, alle porte del Chianti fiorentino.

    Qui, la possibilità di immergersi in Ruffino e nel “Vivere di Gusto” trova la sua più compiuta consacrazione nella deliziosa Locanda Le Tre Rane, nell’Agriresort ricavato nella villa rinascimentale, nella Bottega del Vino, circondati da uno scenario di suggestiva bellezza.

    “E’ un momento particolare quello che stiamo vivendo – spiega Sandro Sartor, AD Ruffino- La nostra campagna di comunicazione transmediale richiama a un modello di vita inclusivo, conviviale, capace di unire sotto il segno del bello e del buono, di cui il vino, e il vino Ruffino in particolare, si è sempre fatto storico portatore. “Vivere di Gusto” è un augurio, un auspicio, ma anche una orgogliosa sottolineatura di un’attitudine, di una capacità tutta italiana, che in periodi come questi giova ricordare”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...