spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Forex trading: alla scoperta dei broker più gettonati per investire

    La posizione dell'euro nei confronti del dollaro, e la continua evoluzione dei mercati, invita gli investitori a cogliere diverse opportunità nel campo Forex

    Il Forex trading rimane al centro degli interessi degli investitori, come evidenziano le recenti proiezioni finanziarie.

    Il dollaro, sotto la lente di ingrandimento in seguito alla divulgazione dei dati sui tassi di interesse, sta perdendo valore sia nei confronti dell’euro che in quelli dello yen, tuttavia la situazione appare in continuo movimento.

    Si tratta comunque di una posizione ampiamente attesa dagli analisti, che non fa che confermare l’aumento dell’inflazione a livello globale.

    Anche nel Vecchio Continente c’è attenzione verso questo argomento, considerato prioritario dalla Banca Centrale, tuttavia l’annuncio della FED su un lento, ma progressivo, abbandono del tapering, conferma una mossa di politica economica preannunciata già diversi mesi fa.

    La posizione dell’euro nei confronti del dollaro, e la continua evoluzione dei mercati, invita gli investitori a cogliere diverse opportunità nel campo Forex.

    Il Forex infatti, che altro non è se non l’abbreviazione della definizione Foreign Exchange, attira i trader grazie alle possibilità offerte dallo scambio fra i vari cross valutari, tuttavia rimane fondamentale, per chiunque desideri investire con successo, affidarsi solo a operatori riconosciuti.

    Per fare trading sulle coppie di monete, infatti, occorre iscriversi a una piattaforma, la quale svolge il ruolo di collegamento tra l’utente e il mercato valutario. Nella scelta del broker possono influire diversi aspetti, tuttavia, la volontà di tutelare il proprio capitale affidandosi a partner sicuri dovrebbe costituire l’elemento prioritario.

    Quale broker scegliere per fare trading sul Forex

    La scelta del broker per il forex trading dovrebbe tenere conto innanzitutto della reputazione della piattaforma. È infatti consigliabile aprire un account solo presso piattaforme certificate.

    In Italia l’ente che si occupa di attestare la conformità dei broker alla legge è la Consob, mentre a livello europeo è valida la licenza CySEC e per il Regno Unito quella emanata dalla FCA. Una volta verificato che la piattaforma rientri nell’elenco di quelle autorizzate da tali enti, si potranno prendere in esame altre caratteristiche.

    Fra i broker più conosciuti e apprezzati per fare trading spiccano Plus500, Trade.co, eToro, FP Markets e Capital.com.

    Tutte queste realtà sono perfettamente sicure e legali, inoltre molte di esse mettono a disposizione dei trader diverse funzionalità aggiuntive estremamente interessanti.

    La prima fra tutte è sicuramente quella del conto demo gratuito; il conto demo è un vero e proprio conto che ricalca in tutto e per tutto uno reale, solamente che esso è in modalità demo. Ciò significa che l’utente investe seguendo le dinamiche di mercato ma senza il rischio di perdere il proprio capitale.

    All’interno del conto demo, infatti, la piattaforma deposita una cifra (anche molto ingente) che serve all’investitore per allenarsi a fare trading in modo del tutto sicuro.

    I migliori broker Forex

    Tra i migliori broker per fare trading, eToro è uno fra i più apprezzati, anche grazie all’esclusiva funzionalità del Copy trading messa a disposizione dei suoi iscritti.

    Nel Copy trading l’utente applica alcune modalità simili a quelle che si usano nel mondo dei social network, infatti egli sceglie chi seguire fra i trader di maggior successo al mondo e ne copia letteralmente le mosse.

    In questo modo ci si può allenare a investire senza rischiare troppo e avendo di fronte agli occhi una persona dalla quale imparare.

    Altre piattaforme, come ad esempio Trade.com e Capital.com, si caratterizzano per la presenza dei CFD, che in genere sono molto apprezzati dai trader. Questo strumento finanziario di tipo derivato, infatti, permette di non comprare un asset, bensì di limitarsi a speculare sull’andamento del suo sottostante, con un conseguente netto risparmio economico.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...