mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    Liquidità aziende agricole: pochi giorni per chiedere l’anticipo dei contributi Pac

    Coldiretti: "Una boccata di ossigeno che permette di migliorare le programmazioni aziendali"

    TOSCANA – Entro il 20 giugno le aziende agricole possono chiedere l’anticipo dei contributi legati alla Politica agricola comunitaria (Pac), relativi alla Domanda Unica 2019.

     

    Il decreto è stato pubblicato sul sito del Mipaaft, il ministero delle politiche agricole, forestali e del turismo. Il presupposto per richiedere l’anticipo è il possesso dei titoli e la presentazione della domanda annuale.

     

    “La liquidità che entrerà nelle casse delle imprese agricole – commenta Coldiretti Toscana – è una boccata d’ossigeno che consentirà una migliore programmazione delle attività aziendali”.

     

    In Toscana è già possibile presentare le domande sul portale dell’Organismo Pagatore Regionale Artea, le imprese possono rivolgersi agli uffici del CAA Coldiretti presenti su tutto il territorio regionale.

     

    “L’importo dell’anticipazione è pari al 50% dei pagamenti diretti – spiega Coldiretti Toscana – ma ci sono delle limitazioni”.

     

    L’anticipo del contributo Pac, infatti, non viene erogato in questi casi: per importi inferiori a 750 euro, se il beneficiario abbia in essere situazioni debitorie o se abbia in corso cessioni di titoli non ancora perfezionate.

     

    Sono escluse dal calcolo per l’anticipazione le superfici dichiarate in domanda unica a pascolo.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino