spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Federico Gelli nuovo direttore della sanità regionale dal primo dicembre

    L'Ordine dei medici di Firenze: "Rappresenta la persona ideale per aiutare il Servizio sanitario regionale e la nostra Regione ad affrontare questo momento decisivo"

    FIRENZE – Federico Gelli sarà il nuovo responsabile della Direzione sanità, diritti cittadinanza e coesione sociale.

    La nomina decorrerà dal primo dicembre prossimo. Ad annunciarlo il presidente della Regione, Eugenio Giani, che nella seduta di ieri ha informato la giunta dopo averne preventivamente informato l’assessore Simone Bezzini.

    La nomina avviene in ottemperanza all’avviso pubblico della Regione e secondo la normativa che presiede alla nomina stessa, rimessa al decreto del presidente della giunta.

    “Il nostro augurio di buon lavoro a Federico Gelli, nominato dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani direttore del Dipartimento regionale di sanità”.

    Così il presidente dell’Ordine dei medici di Firenze Pietro Dattolo.

    “E’ un momento – dice Dattolo – in cui la sanità regionale, come quella nazionale, saranno chiamate a scelte decisive per il futuro di milioni di persone”.

    “Siamo convinti – prosegue – che il “nostro iscritto” Gelli, per l’esperienza maturata in questi anni di attività all’interno dell’azienda sanitaria, per la sua capacità manageriale e per il suo profilo professionale, rappresenti la persona ideale per aiutare il Servizio sanitario regionale e la nostra Regione ad affrontare questo momento decisivo”.

    “Il nostro augurio di buon lavoro da parte mia e di tutto l’Ordine dei Medici di Firenze”. conclude Dattolo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...