spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Anche Rocca di Castagnoli (l’azienda in cui lavorava) traccia un commosso ricordo di Daniele Pagni

    "Da noi è stato un punto di riferimento per 25 anni. Oltre all’aspetto umano vogliamo ricordare la straordinaria professionalità e bravura di enologo"

    GAIOLE IN CHIANTI – Anche l’azienda agricola dove lavorava, Rocca di Castagnoli, traccia un commosso di Daniele Pagni.

    Il gaiolese di 49 anni morto nei giorni scorsi dopo un malore improvviso.

    # Gaiole in Chianti sotto choc: a 49 anni muore per un malore improvviso Daniele Pagni

    “Domenica scorsa – iniziano da Rocca di Castagnoli – abbiamo perso improvvisamente il nostro Daniele”.

    “Un amico sincero – raccontano – che con il suo comportamento ci ha insegnato ad essere altruisti, sempre pronto a scarificarsi per gli altri con dignità, impegno e generosità”.

    “La sua scomparsa – proseguono affranti – lascia un vuoto incolmabile per tutti coloro che lo hanno conosciuto”.

    “Sia nella comunità di Gaiole – aggiungono – grazie al suo impegno alla Misericordia, sia in azienda dove è sempre stato un punto di riferimento per quasi 25 anni”.

    “Le sue doti umane erano inestimabili – puntualizzano da Rocca di Castagnoli – al punto che tutti coloro che lo hanno conosciuto non potevano che apprezzare il suo essere dolce ma deciso al tempo stesso”.

    “Oltre all’aspetto umano – tengono a dire – vogliamo ricordare la straordinaria professionalità e bravura di enologo”.

    Infine, concludono ricordando “la sua profonda conoscenza e passione per il vino e per il suo amato Sangiovese dal carattere chiantigiano, proprio come lui”.

     @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...