spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Riduce in scaglie per compost o combustione 40 tonnellate di potature del verde pubblico

    GREVE IN CHIANTI – Nello scorso mese di dicembre, il centro operativo del Comune di Greve in Chianti si è dotato di un nuovo importante strumento utile per la riduzione dei rifiuti e per ottimizzare le attività di gestione del verde pubblico comunale.

     

    E’ stato acquistato, grazie al finanziamento del progetto comunitario Waste-Less in Chianti, un cippatore che viene applicato  ad  un trattore già in dotazione al centro operativo del Comune. Il macchinario è in grado di ridurre potature di varia dimensione (fino a 18 cm di diametro) in cippato, ovvero scaglie di legno da destinare al compostaggio oppure alla combustione.

     

    Considerato che il Comune  di Greve produce ogni anno circa 40 tonnellate di rifiuti biodegradabili provenienti da potature e manutenzioni del verde pubblico, la nuova apparecchiatura (nella foto la si vede in azione applicata ad un trattore  del Comune) consentirà di rendere molto più efficiente ed economico l’azione degli operai comunali nella gestione dei numerosi parchi e viali alberati del Comune.

     

    Soddisfatti gli assessore comunali Simone Secchi e Simona Forzoni, attuale e precedente assessori all’ambiente del Comune di Greve.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...