spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il centrodestra: “Nuova stangata per i grevigiani, il Comune ha deciso di aumentare la Tari”

    "Aumenti che a Greve saranno in media del 3,20% per le utenze domestiche - rimarcano i consiglieri di opposizione - e del 4% per le utenze non domestiche"

    GREVE IN CHIANTI – “Nuova stangata per i cittadini: aumentano le tariffe Tari”.

    Lo dicono Claudio Gemelli, Marco Raveggi e Giuliano Sottani, consiglieri di Centrodestra per il cambiamento: “Il consiglio comunale dei giorni scorsi ha approvato (con il voto contrario delle opposizioni) l’aumento delle tariffe sui rifiuti in seguito all’approvazione del PEF da parte dell’Ato”.

    “Aumenti che a Greve saranno in media del 3,20% per le utenze domestiche – rimarcano – e del 4% per le utenze non domestiche”.

    “A pagare – denunciano – saranno sempre cittadini e imprese a fronte di nessun miglioramento nei servizi, anzi”.

    “Un aumento – proseguono ancora – che evidentemente non ripaga degli sforzi del servizio porta a porta pubblicizzato come un sistema che avrebbe portato ad una tariffazione puntuale, più efficiente e meno costosa nel lungo periodo, ed invece…”.

    “La critica ad un sistema che non funziona l’ha fatta il sindaco stesso – sottolineano – prima che noi delle opposizioni, segni che i problemi di gestione dei rifiuti nel sistema toscano sono noti”.

    “Ed è per questo – rilanciano – che abbiamo criticato il comune che in sede di Ato ha espresso voto favorevole al PEF accontentandosi di un generico e quanto mai vago impegno ad un riequilibrio delle tariffe”.

    “Ma il problema – spiega il capogruppo Gemelli – è ben più ampio e riguarda grosse responsabilità da parte della Regione Toscana che non ha una visione di lungo periodo circa lo smaltimento, manca un piano rifiuti regionale e non c’è una programmazione impiantistica”.

    “Questa inerzia politica – conclude Gemelli – porta ad un aumento dei costi del servizio che si traduce in aumenti delle tariffe Tari. Bisogna smettere di fare pagare i costi dell’inefficienza politca di chi governa da sempre in Toscana ai cittadini!”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...