spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Raccogliamo la protesta di un nostro lettore che potrebbe essere quella di… tanti di noi

    Lo sfogo è di Mario, un nostro lettore di Pozzolatico. Ma potrebbe essere chiunque in una delle tante porzioni del nostro territorio in cui, ad oggi, l'Adsl è soltanto una chimera.

     

    "Abito a Pozzolatico – ci scrive Mario – ed in questa frazione il servizio AdslL non è raggiungibile, sembra a causa della centrale telefonica Telecom antiquata che abbiamo installata nel nostro paese e che serve anche altre frazioni del comune di Impruneta, anch'esse prive della rete Adls".

     

    Un disagio non da poco in un mondo in cui la digitalizzazione è ormai come il pane. Non si tratta più di un "balocco",, ma di un qualcosa che serve per vivere, per lavorare. Tanto per fare un esempio, basta vedere le iscrizioni scolastiche, che da quest'anno ppossono essere fatte solo on line.

     

    "La mia domanda – scrive a questo proposito Mario – è la seguente. E' mai possibile che nel 2013 in un paese che dista appena 6 km da centro di Firenze i propri cittadini non possono usufruire di un servizio ormai indispensabile, e debbono a proprie spese far installare diavolerie tipo antenne o parabole sui propri tetti (creando anche un danno paesaggistico), da gestori di forniture di servizi privati per sopperire a queste carenze?".

     

    "Ma il comune di Impruneta – conclude – non può fare niente? Perché non minaccia azioni anche legali e di disturbo contro le aziende che si ostinano a boicottare questa zona?".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...