spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Episodi che si ripetono nella zona di rimessaggio dei mezzi: spesso rubato il gasolio

    IMPRUNETA – Continuano gli episodi di atti vandalici, con furti, nella zona di rimessaggio dei mezzi della Protezione Civile della Misericordia di Impruneta, ospitata al momento presso i locali della REF ad Impruneta.

     

    "Vengono svuotate le stagne di scorta delle idrovore – dicono i volontari – e svuotato anche il contenuto del generatore. Adesso, nonostante alcune precauzioni, siamo arrivati al taglio di catene e lucchetti come avvenuto nell'ultimo episodio rilevato martedì 12 novembre".

     

    Sono davvero affranti. E giustamente arrabbiati: "E' una situazione non più vivibile, dove i mezzi e le attrezzature in pronta partenza rischiano di trovarsi senza gasolio e ritardare gli interventi".

     

    I danni? "Abbiamo stimato ad oggi 140 litri, una batteria del generatore 22kw, catene e lucchetti rotti".

     

    "Stavolta – concludono – è partita anche la denucia ai carabinieri per i furti subiti  e saranno presi ulteriori provvedimenti. Ci auguriamo che tale situazione possa migliorare e che sia il caso di provvedere a trovare un nuovo spazio dove mettere i mezzi e le attrezzature dell Protezione Civile della Misericordia di Impruneta".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...