spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta, contributo a favore delle famiglie con figli minori disabili con un handicap grave: scadenza 30 giugno

    L'assessora Laura Cioni: "Si aggiunge un altro aiuto, se pur piccolo, nei confronti di chi soffre maggiormente la situazione economica attuale"

    IMPRUNETA – La Regione Toscana ha riconfermato anche quest’anno il contributo annuale di euro 700 a favore delle famiglie con figli minori disabili con un handicap grave, residenti in Toscana al momento della presentazione della domanda. 

    Le domande devono essere presentate al proprio Comune di residenza entro il 30 giugno 2023.

    La domanda presso il Comune di Impruneta, assieme all’attestazione di presa visione dell’informativa sulla privacy, possono essere consegnate a mano presso l’U.R.P. (Ufficio Relazioni con il Pubblico) o presso gli uffici del Servizio Socio Educativo (gli orari di apertura sono consultabili a questo link).

    Oppure inviate tramite E-mail o PEC ai seguenti indirizzi: urp@comune.impruneta.fi.it, sociale@comune.impruneta.fi.it; comune.impruneta@postacert.toscana.it. Per la modulistica clicca qui.

    “In un clima di difficoltà sempre maggiori per le famiglie – dichiara l’assessora ai servizi sociali Laura Cioni – la Regione Toscana ha approvato l’erogazione di un contributo finanziario a favore delle famiglie che vivono particolari situazioni di disagio e connesse in particolare alla presenza di figli minori disabili”.

    “Si aggiunge un altro aiuto – prosegue – se pur piccolo, nei confronti di chi soffre maggiormente la situazione economica attuale. Nel consolidare una sensibilità particolare a chi è più svantaggiato mi auguro che misure di aiuto similari diventino sempre più strutturali nel tempo per garantire una giustizia sociale per tutti”.

    “L’attenzione al sociale di questa amministrazione è sempre stata alta – aggiunge il sindaco Alessio Calamandrei – e qualsiasi possibilità di aiuto alle famiglie cerchiamo di farla conoscere il più possibile”.

    “Proprio perché – rimarca – in un periodo come questo, anche un piccolo aiuto spesso può diventare fondamentale per l’economia della famiglia. In particolar modo per coloro che si trovano ad assistere figli minori con disabilità, un impegno che portiamo avanti da sempre, e che abbiamo intenzione di continuare a fare con la massima attenzione”.

    Le modalità di presentazione della domanda e i requisiti sono i seguenti, come da legge regionale 44/2022, articolo n. 23:

    • il contributo è annuale per il 2023 ed è pari ad euro 700 per ogni minore disabile in presenza di un’accertata condizione di handicap grave di cui all’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate);

    • ai fini dell’erogazione del contributo è considerato minore anche il figlio che compie il diciottesimo anno di età nell’anno di riferimento del contributo (data di nascita successiva al 31.12.2004);

    • l’istanza può essere presentata dalla madre o dal padre del minore disabile, o da chi è titolare della responsabilità genitoriale, purché il genitore faccia parte del medesimo nucleo familiare del figlio minore disabile per il quale è richiesto il contributo;

    • sia il genitore, sia il figlio minore disabile devono essere residenti in Toscana alla data di presentazione della richiesta presso il Comune;

    • il genitore che presenta domanda e il figlio minore disabile devono far parte di un nucleo familiare convivente con un valore dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore ad euro 29.999.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...