spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le opposizioni: “Vittoria! Dopo nostre segnalazioni Magherini promette interventi su Fattoria Alberti”

    "Ma per lui il degrado della Fattoria è colpa di tutti fuorché sua: dai rioni ai circoli, dai vandali ai ragazzini, tutti sono stati citati dal presidente dell'Opera Pia come responsabili..."

    IMPRUNETA – “Giovedì 3 giugno è stata convocata la Commissione 2 con all’ordine del giorno il tema Fattoria Alberti a cui era invitato anche il Presidente dell’Opera Pia, Marzio Magherini. Abbiamo più volte chiesto che la Commissione fosse registrata e trasmetta in diretta streaming, ma la maggioranza si è rifiutata”.

    Inizia così l’ennesima presa di posizione dei consiglieri comunali Chiara Innocenti (maggioranza), Alessandro Giovannini, Gabriele Franchi, Matteo Zoppini, Leonardo Rossi (opposizioni, tutti tranne Roberto Viti), sul tema dell’Opera Pia Vanni, con particolare riferimento alla situazione della Fattoria Alberti, una delle sue proprietà.

    “Abbiamo rivolto a Magherini quelle semplici domande che tentavamo di fare da gennaio – proseguono – e che in parte già da molto prima avevamo iniziato a rivolgere all’amministrazione comunale”.

    “Nella ricostruzione fatta da Magherini – sostengono – è emerso in pratica che l’Opera Pia in questi anni si sarebbe occupata con solerzia e costanza della Fattoria Alberti, manutenendo l’immobile e occupandosi della pulizia e della sicurezza degli ambienti”.

    “Ciò contrasta con l’evidenza – accusano – e i fatti degli ultimi anni, con le segnalazioni e le foto dei cittadini, con la situazione che ogni imprunetino può osservare da decenni”.

    “Ma per Magherini – rincarano – il degrado della Fattoria è colpa di tutti fuorché sua: dai rioni ai circoli, dai vandali ai ragazzini, tutti sono stati citati dal presidente come responsabili dell’accumulo di materiale e del crescere della sporcizia”. 

    “Lo stupore di fronte a queste parole – ribadiscono – è grande, così come lo è di fronte all’incapacità di spiegare come mai per la pianella di cotto staccatasi dal tetto ad aprile non sia stato fatto alcun intervento preventivo, nonostante il pericolo fosse stato segnalato in un’interrogazione consiliare già ad ottobre”.

    “Tuttavia – proseguono – siamo ben contenti del fatto che – seppur solo adesso e solo dopo le nostre ripetute richieste e sollecitazioni – Magherini abbia deciso di intervenire sulla Fattoria Alberti. Ha preso degli importanti impegni di fronte alla Commissione; a suo dire, da “lunedì verrà fatto tutto”, ovvero si avvieranno quei lavori, già avviati negli ultimi giorni, per mettere in sicurezza la struttura, effettuare una pulizia, recintare tutti gli ambienti e installare delle telecamere di sorveglianza”.

    “Noi senza dubbio ci compiacciamo di questa volontà di intervenire al più presto – concludono e vigileremo affinché quanto garantito da Magherini trovi attuazione, nell’interesse della comunità di Impruneta. D’altra parte, le problematiche che riguardano il patrimonio dell’Opera Pia non si esauriscono con la Fattoria Alberti, e perciò agiremo nelle sedi e con le modalità opportune per fare informazione e ottenere risposte su altre assai rilevanti questioni”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua