mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Nuova targa in ricordo dei caduti di via Fani e del rapimento di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse

    La cerimonia avrebbe dovuto tenersi il 16 marzo 2020, anniversario della strage ma era stata rimandata a causa del lockdown

    IMPRUNETA – La cerimonia avrebbe dovuto tenersi il 16 marzo 2020, anniversario della strage di via Fani e del rapimento di Moro da parte delle Brigate Rosse, proprio nei giorni in cui il lockdown ha imposto di evitare gli eventi in presenza.

    Così si è dovuto rinviare tutto fino a mercoledì 23 settembre, giorno scelto perché ricorreva la nascita di Aldo Moro.

    Sotto un tempo incerto, rappresentanti delle istituzioni e cittadini si sono incamminati dal palazzo municipale verso via Aldo Moro, dietro ai gonfaloni dei Comune di Impruneta e di Greve in Chianti rappresentato dal vice sindaco Lorenzo Lotti.

    Era presente anche il neo eletto consigliere regionale Massimiliano Pescini.

    Il Sindaco Alessio Calamandrei, insieme al nuovo presidente in carica del Rotary Club San Casciano-Chianti Nicola Menditto e al predecessore Leandro Galletti, hanno levato il drappo e don Luigi Oropallo ha benedetto la nuova targa in terracotta che va a sostituire quella già posta dalla Democrazia Cristiana di Impruneta nel 1981.

    L’iscrizione riporta la stessa frase della precedente, a cui sono stati aggiunti anche i nomi dei poliziotti Raffaele Iozzino, Giulio Rivera, Francesco Zizzi e dei carabinieri Oreste Leonardi e Domenico Ricci, rimasti uccisi in via Fani.

    A lato, anche l’effigie del Rotary Club San Casciano-Chianti a ricordo del supporto dato per la realizzazione del nuovo manufatto realizzato dall’artista Luigi Mariani: l’amministrazione comunale ringrazia entrambi per la disponibilità.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...