spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 29 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I Verdi: “In passato questa strada, oggi chiusa, era la meta della passeggiata post-pasquale”

    "In Bifonica l'ovo non ruzzola ancora per Pasquetta": lo segnalano i Verdi per Impruneta rilevando come, a distanza di un anno dalla loro segnalazione sui cartelli di divieto di passaggio in via Bifonica, la situazione è rimasta immutata, "nonostante che quel percorso – dicono – sia inserito nell'elenco della viabilità "ad uso pubblico" del Comune di Impruneta".
     

    I Verdi infatti ricordano come "in passato il lunedì di Pasqua era l’occasione per una passeggiata appena fuori paese per andare “a ruzzolare l’ovo in Bifonica” nel giorno di Pasquetta. Adesso invece su via Bifonica fioccano i cartelli di divieto nonostante che la strada che vi conduce sia dichiarata ad uso pubblico".
     

    "Si dà infatti il caso- proseguono – che chi voglia percorrere la stradella che porta in Bifonica (amena valle tra Bagnolo e Le Terme), e da cui la via prende il nome, si trovi dinanzi a due divieti che paiono decisamente sconsigliarne il transito, quand’anche solo pedonale".
     

    "Proprio all’inizio della strada – spieganno – che diparte dietro la chiesetta di Bagnolo, troviamo infatti un primo cartello in marmo e caratteri in metallo… che avvisa “Villa Bifonica – divieto d’accesso”. Per coloro che non avessero recepito, un ulteriore messaggio è collocato dopo Villa Bifonica, quando la strada – che prosegue fino all’ex romitorio della Bifonica – è diventa oramai campereccia ma una catena la attraversa per tutta la sua larghezza col suo cartello penzolante che avverte “proprietà privata”".
     

    "Come è possibile tutto ciò – chiedono i Verdi per Impruneta – visto che la “Strada vicinale di Bifonica” risulta essere inserita nell’elenco delle strade “ad uso pubblico” fin dai tempi del Comune del Galluzzo e riconfermata con tale finalità anche nella “ricognizione tipologica” che il Comune di Impruneta ha redatto alcuni anni fa?".
     

    "La fitta rete di viabilità minore (sia comunale che vicinale ad uso pubblico) che percorre il nostro territorio – tengono a sottolineare – rappresenta un importante patrimonio della nostra comunità, la cui salvaguardia e conservazione è di fondamentale importanza per la realizzazione di una rete di “percorsi verdi” nel territorio comunale, recuperandoli in taluni casi anche da situazioni di degrado o da improprie limitazioni al pubblico passaggio".
     

    "Proprio per salvare le strade di tutti – concludono i Verdi per Impruneta – riteniamo che il Comune non debba limitarsi a disegnare questa viabilità minore sulle cartine, ma debba soprattutto attuare le necessarie azioni di tutela, al fine di garantirne la fruibilità da parte della comunità".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua