giovedì 24 Settembre 2020
Altre aree

    Vertenza Baldi e Flap torna rosso l’allarme della Cgil: “Azienda irreperibile”

    "Da giorni chiediamo notizie ai titolari circa il proseguimento degli ammortizzatori sociali in scadenza la prossima settimana"

    IMPRUNETA – Torna tendente al rosso l’allarme nei confronti della Flap di Tavarnuzze.

    A suonarlo sono Fiom Cgil Firenze e Filcams-Cgil Firenze: Nonostante le nostre ripetute richieste, ad oggi non siamo riusciti ad ottenere né risposte né possibilità di incontro dalla famiglia Baldi rispetto alla possibile apertura di una procedura concorsuale, preannunciata nelle scorse settimane in una lettera consegnata alle lavoratrici e ai lavoratori di Baldi e Flap”.

    “Riteniamo tale atteggiamento – rimarcano – non solo lesivo delle prerogative di rappresentanza sindacale, ma soprattutto irrispettoso nei confronti dei lavoratori e lavoratrici delle due società, che vivono in questi giorni un drammatico periodo di timori e incertezze per il loro futuro”.

    “Per questo – aggiungono – abbiamo chiesto l’intervento delle istituzioni con l’attivazione dell’unità di crisi presso la Città Metropolitana di Firenze, ma anche in questo caso la proprietà, nonostante gli inviti istituzionali, continua a rendersi irreperibile, dimostrando un’assoluta mancanza di rispetto verso i lavoratori e le lavoratrici e un intero territorio”.

    “Continueremo a tutelare a meglio i diritti di tutti i lavoratori e le lavoratrici – concludono – e lavorare finché i dipendenti delle due aziende non otterranno certezze in merito all’immediato futuro lavorativo”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino