spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’amministrazione comunale risponde per le rime alle critiche della Scuola Waldorf

    "L’antenna Wi-fi sulla torre dell’Acqua della Romola è stata installata con le necessarie autorizzazioni di Arpat (Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana) e il consenso della direzione della scuola Waldorf, rilasciato al termine di un percorso di analisi, verifiche e misurazioni condotto dal Comune in accordo con i rappresentanti del consiglio scolastico".

     

    Sono le precisazioni con le quali l’amministrazione comunale di San Casciano replica alle contestazioni sollevate dalla scuola.  "La giunta – proseguono dal palazzo comunale in via Machiavelli – tiene a rilevare in prima battuta l’origine e gli obiettivi dell’intervento che si inserisce nel quadro di un progetto approvato, finanziato e avviato nel 2010 dalla Provincia di Firenze, mirato a consentire il superamento dell’isolamento digitale presente a San Casciano.

     

    “Dopo la messa in opera delle antenne principali – spiegano l’assessore all’Innovazione tecnologica e l’assessore all’ambiente Carlo Savi –  si è reso necessario un ulteriore intervento nella zona della Romola, per coprire ampie zone della frazione e dei vicini abitati  che, altrimenti, sarebbero rimaste senza segnale”.

     
    "Altro punto sul quale riteniamo opportuno far luce è la localizzazione – proseguono dall'amministrazione comunale sancascianese – individuata sia per la funzionalità della posizione, in grado di garantire massima copertura a tutte le aree rimaste prive di segnale, sia per l’assenza di pericolosità in termini di impatto ambientale.

     

    “Abbiamo scelto questa collocazione – dicono gli assessori –  dopo aver effettuato un sopralluogo, dal quale è emerso che la posizione elevata dell’edificio avrebbe permesso l’utilizzo di un’antenna di modeste dimensioni e con basse emissioni; se avessimo optato per soluzioni diverse si sarebbero rese necessarie attrezzature molto più visibili e dannose”.

     
    “Francamente non riusciamo a capire  – aggiungono gli assessori – il perché si arrivi a contestare un’operazione precedentemente condivisa con la direzione della Waldorf e dalla quale non emerge alcun elemento di preoccupazione sul fronte della sicurezza”.

     

    Gli assessori tengono a sottolineare le tappe del percorso e i suoi risultati. “Nonostante avessimo ottenuto le necessarie autorizzazioni da Arpat, fonte di sicurezza e controllo ambientale per tutti  – concludono – abbiamo deciso infatti, in accordo con la scuola, di far eseguire specifiche analisi di impatto elettromagnetico in loco. Ne è emerso che i valori delle emissioni elettromagnetiche sono ampiamente inferiori ai limiti previsti dalla legge e perfettamente in linea con quelli indicati dal Consiglio d’Europa”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...