spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Grande fermento a Chiesanuova per i preparativi della grande mostra sul presepe

    Avrà il suo cuore nei lavori delle tre aziende centenarie, ancora presenti nel territorio della Lucchesia, che saranno presenti al CRC di Chiesanuova dall'11 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023

    CHIESANUOVA (SAN CASCIANO) – Fervono i preparativi per la grande mostra culturale e scientifica chesi terrò a Chiesanuova.

    “Il Presepe e i suoi personaggi” avrà il suo cuore nei lavori delle tre aziende centenarie, ancora presenti nel territorio della Lucchesia, che saranno presenti al CRC di Chiesanuova dall’11 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023.

    La rassegna, organizzata dal Circolo Culturale di Chiesanuova con i patrocini di Regione Toscana, Città Metropolitana, Comune di San Casciano, Arcidiocesi di Firenze, Associazione Amici del Presepio di Roma, con il contributo di Pro Loco San Casciano e Rotary Club San Casciano Chianti, vedrà in mostra anche le creazioni dei presepi del territorio.

    Come quello degli alunni della scuola del comprensorio scolastico dell’infanzia, quello della parrocchia di San Donato e quello del CRC di Chiesanuova.

    Si sta già predisponendo alla suggestiva illuminazione della sala del circolo, alla pulizia delle vetrine.

    Che accoglieranno non solo presepi e Natività, ma tutti i suoi personaggi nati come li aveva immaginati San Francesco a Greggio nel suo primo presepe vivente nel lontano 1223.

    Sì, perché saranno proprio loro le statuette che come per magia ogni anno vengono liberate dai loro imballi e che riprendono vita dal loro sonno generazionale di nonno, padre, e figlio, ad essere protagoniste assolute di questa fascinosa mostra. Che vede la collaborazione del Paese dei Balocchi di Sesto Fiorentino.

    E’ in stampa un opuscolo che verrà distribuito gratuitamente al pubblico, edito da Edigrafica Lory di Firenze, che riporta le affascinanti storie dei Maestri presepisti di Bagni di Lucca, Barsanti, Fontanini, Euro Marchi.

    Quando, partiti come emigranti in tutto il mondo, diffusero questa forma di ambasciatori dell’artigianato dei presepi Made in Italy.

    Sarà presente anche il presepe di Fontanini, sia pure più piccolo di quello che viene montato a grandezza naturale ogni anno in piazza San Pietro a Roma, o i pastori del presepe che ha rappresentato la Toscana alla mostra del Quirinale ed inaugurata dal presidente Sergio Mattarella.

    Ma non mancheranno i presepi riconvertiti dalla cartapesta negli anni 60’, al tempo del boom economico, nel materiale che più andava di moda da quell’epoca (plastica e resina) da Euro Marchi. Che conquistarono il mercato americano e, addirittura, quello Cìcinese.

    E’ già in lavorazione la grande “nuvola” che ospiterà l’arcangelo Gabriele, che avviserà i Re Magi e i pastori della nascita del Salvatore, con il Bambinello Gesù nella capannuccia.

    Si tratta di un manufatto di oltre due metri e mezzo di circonferenza e di un metro di altezza, che apparirà al visitatore al centro dell’entrata della rassegna stessa.

    Creata per l’occasione da Opera Set di Calenzano, stessa azienda leader che cura le scenografie a Torre del Lago Puccini o all’Arena di Verona.

    Il logo pittorico è stato creato per l’occasione dall’artista Paola Imposimato, creatrice di tanti Pali di Rievocazioni Storiche, e raffigura San Francesco insieme ai personaggi del Presepio.

    La rassegna vedrà anche una importante conferenza tenuta da Franco Paoletti, storico estimatore e restauratore delle scenografiche statuette, che si terrà domenica 17 dicembre alle ore 16.30 a Chiesanuova.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua