venerdì 23 Ottobre 2020
Altre aree

    Open Day dell’Accademia Musicale di San Casciano domenica 27 settembre

    Presso la sala pianoforte del Circolo Arci, da lunedì 28 settembre l’Accademia riprenderà regolarmente le attività didattiche proponendo tante novità nell'offerta musicale

    SAN CASCIANO – Domenica 27 settembre dalle 16:00 alle 19:00 presso la sala pianoforte del Circolo Arci di San Casciano Val di Pesa si svolgerà l’Open Day dell’Accademia Musicale di San Casciano.

    Un pomeriggio di esibizioni da parte di allievi e docenti, un momento per ritrovarsi o incontrarsi per la prima volta e per conoscere tutte le novità in serbo per l’anno scolastico a venire.

    L’ingresso è libero, nel rispetto della capienza massima consentita dalle misure a contrasto della diffusione del Covid-19.

    Da lunedì 28 settembre l’Accademia Musicale riprenderà regolarmente le sue attività didattiche.

    “Come tutte le realtà del territorio – fanno sapere dall’Accademia – abbiamo adeguato la nostra struttura e lo svolgimento dei nostri corsi alle indicazioni e prescrizioni sanitarie nazionali e regionali, al fine di contrastare la diffusione del Nuovo coronavirus”.

    “Come molti già sanno – continuano dall’Accademia – la nostra scuola offre corsi individuali di musica classica e moderna, di strumento e canto, corsi collettivi di ritmica, di musica d’insieme, di coro e ensemble vocali per bambini, ragazzi e adulti”.

    “Stiamo ricevendo richieste anche… fuori dal coro: proprio negli ultimissimi giorni ci stiamo impegnando ad attivare nuove classi di strumento -aggiungono – come fisarmonica e oboe, due strumenti relativamente poco conosciuti ma dotati di caratteristiche timbriche e possibilità espressive senz’altro poco comuni”.

    “E per quanto riguarda il nostro dipartimento di musica moderna gli studenti hanno inoltre la possibilità di prepararsi a sostenere gli esami del percorso Lizard” spiegano ancora.

    “Da diversi anni offriamo anche percorsi di musicoterapia individuale per bambini, adolescenti e adulti che possono beneficare del linguaggio e dell’interazione musicali per migliorare la propria qualità di vita e il proprio benessere e percorsi di musicoterapia nella scuola nei centri educativi e scolastici del territorio” fanno sapere dall’Accademia.

    “Promuoviamo inoltre la musica nei piccolissimi – precisano – collaborando con le realtà del territorio che si occupano di prima e seconda infanzia e svolgendo laboratori e percorsi musicali per bambini dai 2 anni in su e i loro genitori”.

    “Vogliamo riaprire in una nuova luce, nel desiderio di trasformare in risorsa le difficoltà legate alla situazione epidemiologica e l’incertezza dell’anno scolastico a venire. La nostra idea è ristrutturare l’offerta musicale della scuola” spiegano.

    “Siamo partiti proprio dalla classe di solfeggio, che da quest’anno cambia volto, per trasformandosi in una vera e propria classe di musica di insieme in cui l’apprendimento della teoria, della ritmica e del linguaggio musicale avviene in modo ancora più attivo e partecipativo, suonando assieme percussioni e i propri strumenti in piccolo gruppo. Vogliamo impegnarci ancora di più, rinnovarci, creare ponti ancora più solidi e duraturi con il nostro territorio e i suoi cittadini”.

    “Questo anno sarà una grande sfida per tutti: per le famiglie che parteciperanno, per gli allievi che si iscriveranno, per i docenti che continueranno il loro lavoro con passione, impegno e cura – aggiungono – ci auguriamo di incontrare tante famiglie al nostro Open Day!”

    “Per qualsiasi informazione la nostra segreteria riceve come sempre dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19 presso i nostri locali – concludono – ma se volete tutti gli ultimi aggiornamenti vale la pena dare un occhio alle nostre nuove pagine social su Facebok e Instagram”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...