spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Quanto dolore per quello scontro in via Senese: muore anche Domenico Barbieri, detto Mimmo

    Viveva a Cerbaia. Nell'incidente di sabato 10 luglio si era scontrato con un 66enne che viaggiava in bici, morto sul posto. Mimmo ha lottato fra la vita e la morte ma non ce l'ha fatta: donati gli organi

    CERBAIA (SAN CASCIANO) – E’ salito a due morti il tragico bilancio dell’incidente avvenuto sabato 10 luglio sulla via Senese, a Firenze, a poche centinaia di metri da Porta Romana.

    Dove ha perso la vita Paolo Mannini, 66 anni: mentre si trovava su una bicicletta da corsa e stava scendendo in direzione Firenze si è scontrato con Domenico Barbieri, 57 anni, residente a Cerbaia, frazione del comune di San Casciano.

    Domenico era a bordo del suo scooter: dopo aver impattato con il ciclista (saranno le autorità a ricostruire la dinamica di quando avvenuto) è caduto sull’asfalto, rimanendo gravemente ferito.

    Entrambi sono stati subito soccorsi. E mentre per Paolo Mannini i tentativi di rianimazione sono stati vani, tanto che i sanitari non hanno potuto far altro che constatare il decesso sul posto, Domenico Barbieri era stato ricoverato in rianimazione all’ospedale di Careggi. In gravissime condizioni.

    Purtroppo per la moglie, i figli, i fratelli, sono stati giorni di speranza che però hanno portato al tragico epilogo.

    Domenico non si è più ripreso dal momento dell’incidente, ed è mancato ai suoi cari.

    Mimmo, così lo chiamavano a Cerbaia, era una persona solare, con cui si stava bene insieme. Amava il calcio, tanto che spesso si ritrovava a giocare a calcetto insieme agli amici.

    La tragica notizia della sua scomparsa ha gettato nello sconforto tutto il paese.

    Domenico aveva un’impresa edile. E sabato 10 luglio era stato a Firenze per valutare un lavoro: di ritorno a casa il tragico incidente che ha spezzato due vite. 

    I familiari, in un gesto di profonda generosità, hanno dato l’autorizzazione all’espianto degli organi per la successiva donazione.

    Per quanto riguarda i funerali, appena sarà resa nota la data non mancheremo di comunicarla.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...