spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In quello che comprende il Chianti in testa la lista Territorio Agricoltura Ambiente

    CHIANTI – Si stanno concludendo le operazioni di scutinio nei Consorzi di Bonifica della Toscana che saranno seguite domani dal riconteggio delle preferenze. Questi i primi dati, che verranno ufficializzati domani con la stesura del verbale finale.

     

    Consorzio di Bonifica Toscana Nord: si stanno concludendo le operazioni di scrutinio, ma al momento sta prevalendo nelle tre sezioni la lista “Ambiente sicurezza e sviluppo” che aveva fra i candidati Ismaele Ridolfi, già commissario del Consorzio di Bonifica Auser-Bientina, seguita da “Sicurezza idraulica, ambiente, equità, partecipazione” che aveva fra i candidati Fortunato Angelini, già commissario del Consorzio di Bonifica Versilia Massaciuccoli. Terza, per numero di preferenze, la lista “Consorzio a 5 Stelle”.

     

    Consorzio di Bonifica Alto Valdarno: ha vinto nelle tre sezioni la lista “Più Bonifica intra Tevero et Arno” che aveva fra i candidati il commissario uscente del Consorzio di Bonifica Valdichiana Aretina Paolo Tamburini. Seguono la lista “Bonifica Bene Comune” (che aveva fra i candidati il presidente dell’Unione dei Comuni del Pratomagno Filippo Sottani). Terza e quarta per numero di preferenze, rispettivamente, la lista “L’altra bonifica” che faceva riferimento ad alcune associazioni agricole e quindi “Cittadini alluvionati e avvelenati”.

     

    Consorzio di Bonifica Medio Valdarno: ha vinto nelle tre sezioni la lista “Territorio, agricoltura, ambiente” che aveva fra i candidati il commissario uscente del Consorzio di Bonifica dell’Area Fiorentina Marco Bottino, seguita dalla lista “Insieme in difesa del territorio” che contava anche il commissario uscente del Consorzio di Bonifica Ombrone Pistoiese-Bisenzio, Paolo Bargellini. Terza per numero di preferenze la lista “Acqua Azzurra”.

     

    Consorzio di Bonifica Basso Valdarno: vince nelle tre sezioni la lista “Insieme per amministrare l’acqua e la terra” che aveva fra i candidati il commissario uscente del Consorzio di Bonifica Ufficio Fiumi e Fossi, Marco Monaco. A seguire la lista “Territorio e Padule” creata da alcuni sindaci della Valdinievole e quindi, terza per preferenze, la lista “Nuova Bonifica”.

     

    Consorzio di Bonifica Toscana Costa: la lista “Ambiente e territorio” che aveva fra i candidati Giancarlo Vallesi, commissario uscente del Consorzio di Bonifica Alta Maremma ha vinto nelle sezioni 1 e 2. La lista “Uniti per la salvaguardia del territorio” composta da varie associazioni di categoria è arrivata seconda per numero di preferenze nelle sezioni 1 e 2, ma prima nella sezione 3, seguita appunto, in questo caso, da “Ambiente e Territorio”. Terza per preferenze nelle tre sezioni la lista “Bonifica a Cinque Stelle”.

     

    Consorzio di Bonifica Toscana Sud: vince la lista “Insieme per il territorio” che aveva fra i candidati il commissario uscente del Consorzio di Bonifica Grossetana Fabio Bellacchi e Francesco Giuseppe Bozzini commissario uscente del Consorzio di Bonifica Osa Albegna. Segue la lista “Movimento 5 Stelle” e, terza per numero di preferenze, la lista “Bonifica Domani”.

     

    Nelle varie sezioni (1, 2 e 3) in cui si è votato, definite in base all’entità del tributo pagata dai consorziati, la lista vicitrice si aggiudica 4 consiglieri, mentre 1 consigliere va alla seconda lista.

     

    Ai 15 consiglieri così eletti se ne aggiungeranno altri 11 nominati da enti pubblici (Regione, Province, Comuni). Ai consiglieri non spetta alcun compenso. Solo a coloro che sono residenti in un comune distante almeno 10 km dalla sede dell’assemblea vengono rimborsate le spese di viaggio documentate. L’assemblea eleggerà poi il presidente di ciascun Consorzio.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...