spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ultima tabella riepilogativa sull’andamento del voto nei nostri 10 comuni

    Nella foto qui sopra (CLICCA SULL'ICONA PICCOLA PER INGRANDIRLA), la tabella elaborata dal Gazzettino con tutti i dati finali al Senato della Repubblica nei dieci comuni del Chianti fiorentino, senese e delle colline fiorentine. Inoltre, nelle ultime due colonne trovate anche i totali delle province di Firenze e di Siena.

     

    In linea con il dato nazionale, al Senato il Partito democratico guadagna qualcosa mentre il MoVimento 5 Stelle perde qualche voto. Così come per la Camera dei Deputati, il miglior risultato del Pd in questa area viene registrato a Bagno a Ripoli, unico comune in cui supera il 50% (50,12%). Lo stesso per il "flop", che viene registrato a Gaiole in Chianti con il 34,14%.

     

    Il MoVimento 5 Stelle, rimanendo sempre su questa lunghezza d'onda, strappa un 23,42% a Gaiole in Chianti e un 23,71% a Castelnuovo Berardenga. Dato peggiore a Bagno a Ripoli, dove non supera il 16% (15,40%).

     

    Per quanto riguarda il Popolo delle Libertà, Chianti fiorentino come sempre terra non molto proficua. Va ancora peggio a Castellina in Chianti, dove raccoglie il 12,77%. Molto meglio a Gaiole in Chianti invece, dove rompe anche il muro del 20%.

     

    Per finire, la lista Monti (che al Senato "racchiudeva" anche Udc e Fli) va bene a Radda in Chianti e Castelnuovo Berardenga (galleggia attorno all'11%); A Greve in Chianti il dato più basso (8,10%). Sel non riesce a sfondare da nessuna parte il 5%: ci va solo vicina a Impruneta, Greve in Chianti e San Casciano.

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...