spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 30 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Iniziativa in collaborazione con l’azienda agricola Marchesi Mazzei di Fonterutoli

    Piccoli produttori di olio crescono a Castellina in Chianti. Nei giorni scorsi, infatti, tre classi della scuola primaria sono stati protagonisti del progetto “Un olio… di classe”, un’iniziativa di “scuola all’aperto” durante la quale i bambini hanno raccolto le olive in un terreno di proprietà comunale, in prossimità degli impianti sportivi di Fonte al Coscio e poi, grazie alla collaborazione con l’azienda Marchesi Mazzei di Fonterutoli, hanno potuto assistere al processo di trasformazione e produzione dell’olio. Insieme agli insegnanti, poi, gli stessi studenti hanno realizzato le etichette da apporre sulle bottiglie di olio che, in parte, arriveranno sulla stessa mensa scolastica.
     

    “Come Comune – commenta il sindaco di Castellina in Chianti, Marcello Bonechi – ci stiamo impegnando in un percorso a sostegno all'agricoltura locale e di sensibilizzazione sulle tematiche dell'educazione alimentare, della sostenibilità e della tutela ambientale. Sono state proposte e realizzate diverse iniziative sul mondo dell'olio, grazie all’impegno e alla disponibilità di un imprenditore, come Filippo Mazzei dell’azienda Marchesi Mazzei di Fonterutoli".

     

    Prosegue il primo cittadino: "Altre iniziative hanno visto il coinvolgimento del Consorzio Dop Olio Chianti Classico e del Museo Archeologico del Chianti senese, quali la mostra "Sull'Olio", in esposizione fino alla prossima primavera e i vari appuntamenti collaterali di degustazione, di approfondimento sul tema e di veri e propri seminari come quelli proposti in occasione di "Chianti d'Autunno". Abbiamo aderito anche a diversi progetti di filiera corta, come quello provinciale che permette il consumo di olio extra vergine di oliva proveniente da frantoi locali all’interno della mensa scolastica o quello sperimentale di un Mercatale nell'ambito della manifestazione estiva "Giovedì a Castellina". Con la scuola primaria dell'Istituto didattico comprensivo di Monteriggioni, inoltre, è nato un progetto che prevede la realizzazione di un orto gestito e curato dai bambini che ha riscosso un grande entusiasmo tra i piccoli partecipanti”.
     

    “Sono tutte azioni – aggiunge ancora Bonechi – che si accompagnano a proficue collaborazioni con la Provincia di Siena e con il tessuto associativo locale, come quella che ha permesso la realizzazione del calendario della stagionalità di frutta e verdura con il contributo concesso all'associazione "Anima Terra", e che nel loro complesso, vogliono marcare la sensibilità politica dell’amministrazione su questi temi. Ed è in totale sintonia con questi valori e questi percorsi che abbiamo inteso coinvolgere i bambini in questa particolare esperienza che li ha introdotti nel contesto produttivo olivicolo, in forma chiaramente educativa e didattica, e senza perseguire nessun altro tipo di finalità, se non quella di permettere un'esperienza diretta della cura, raccolta e produzione di un prodotto principe della nostra terra e alla base di una giusta alimentazione”.
     

    “Un ringraziamento, infine – conclude il sindaco – agli insegnanti delle classi che hanno aderito al progetto, sottraendo ore utili di lezione e permettendo ai bambini il coinvolgimento diretto in un’esperienza così innovativa e totalizzante”.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...