domenica 29 Novembre 2020
Altre aree

    Va alla terra di Siena l’assessorato più pesante della Regione: Simone Bezzini alla Sanità

    Va ad occupare la poltrona che per cinque anni è stata di Stefania Saccardi, inserita all'ultimo tuffo come ottavo assessore e vicepresidente regionale (in quota Italia Viva)

    FIRENZE – E’ la delega più pesante, in termini di bilancio e, in particolare, nel momento che stiamo vivendo.

    Ed è andata a consigliere regionale eletto dalla circoscrizione senese (insieme ad Anna Paris) Simone Bezzini. Arrivato in consiglio regionale anche con i voti del territorio del Chianti senese.

    Va ad occupare la poltrona che per cinque anni è stata di Stefania Saccardi, inserita all’ultimo tuffo come ottavo assessore e vicepresidente regionale (in quota Italia Viva).

    “Partiamo bene, in questo primo confronto ho sentito tutti interventi molto costruttivi”, ha detto con soddisfazione il nuovo presidente della Toscana, Eugenio Giani, in apertura della replica conclusiva, ultimo capitolo del dibattito prima che il suo programma di governo venga approvato dall’Aula del consiglio regionale, nella seduta di ieri, mercoledì 21 ottobre.

    Si dilunga su molti temi toccati nel dibattito, Giani. Richiama uno per uno gli interventi dei consiglieri di maggioranza e opposizione e per ciascuno risponde nel merito delle questioni sollevate.

    Al capogruppo Vincenzo Ceccarelli, assessore uscente del Partito democratico, rivolge un ringraziamento “per le sue riflessioni, che completano i miei ragionamenti”; parlando al capogruppo di Fratelli d’Italia, Francesco Torselli, che richiama visioni del mondo contrapposte, si dice sicuro che “lungo il percorso potremo trovare più elementi di unità che di divisione”.

    A Giovanni Galli (Lega) promette, “sullo sport ti farò da contrappunto”. E proprio rispondendo alle osservazioni di Diego Petrucci (FdI), anticipa l’annuncio della delega alla sanità.

    “Sarà assegnata a Simone Bezzini e domani faremo subito la prima riunione con i direttori generali delle tre Asl”. Sulle maxi-Asl, osserva tra l’altro che “sono emersi aspetti positivi durante la pandemia”.

    E annuncia la convocazione della giunta, oggi, “a villa medicea di Careggi. Partiremo da lì, subito dopo ci sposteremo a Novoli, per riunirci ai tavoli nelle sedi dove lavorano tante persone della Regione”.

    Assicura, rivolgendosi ancora ai consiglieri di centrodestra, che è “molto orgoglioso della squadra che ho appena formato” e spiega: “Opereremo attraverso atti concreti, nel quadro della trasformazione ordinamentale della Regione, che in questa fase acquista un carattere molto forte. Accresceremo la nostra capacità di legislazione, dove le esigenze dei cittadini ci chiedono di intervenire”.

    Lo sforzo, in questa prima fase ancora segnata dall’emergenza Covid, “sarà nel mantenere il necessario equilibrio tra sanità ed economia, un equilibrio che andrà gestito con buonsenso, tenendo come riferimento l’orientamento del governo nazionale”.

    E alla Sanità regionale tocca all’ex presidente della Provincia di Siena.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...