spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Trovata da un cacciatore, intervento degli artificieri. Era ancora pericolosa

    VALIGONDOLI (SAN CASCIANO) – Sempre più spesso riemergono dal terreno delle nostre colline gli strumenti di morte sparsi nelle campagne del Chianti durante l’ultimo conflitto modiale: ordigni inesplosi usati da soldati tedeschi e americani  e che, sebbene arrugginiti e all’apparenza innocui, in realtà sono ancora in grado di uccidere.

     

    Nelle scorse settimane furono ben cinque le bombe fatte brillare dagli artificieri alla Romita, sul crinale che da Tavarnelle va verso San Pancrazio (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    Un altro di questi ordigni è stato rinvenuto nei giorni scorsi, durante una battuta di caccia, nel bosco poco distante dal piccolo borgo di case di Valigondoli, tra Mercatale e il confine con il comune di Greve in Chianti.

     

    Siamo nella parte più elevata del comune di San Casciano: qui il passaggio del fronte si fece davvero drammatico.

     

    “Percorrendo il bosco – ci  racconta Mauro, il cacciatore che ha fatto la scoperta – mi sono imbattuto in uno strano oggetto metallico ricoperto di ruggine. Pensavo a uno dei tanti oggetti di uso comune che, sempre con maggiore frequenza, troviamo nei boschi, abbandonati da persone di pochi scrupoli e con nessuna attenzione per la natura”.

     

    “Guardandolo meglio – prosegue Mauro – mi sono reso conto che in realtà era un ordigno bellico. Ho così chiamato la Stazione dei carabinieri di San Casciano, rimanendo in attesa del loro arrivo. In seguito i militari hanno provveduto a mettere in sicurezza l’area”.

     

    Così la palla è passata agli artificieri dell’Esercito, appartenenti al reparto Genio Ferrovieri di Castel Maggiore (Bologna). Che assieme ai carabinieri di San Casciano e supportati da un mezzo della Misericordia di San Casciano, dopo aver accuratamente ispezionato l'oggetto, hanno provveduto a farlo brillare con successo.

     

    Probabilmente l'ordigno (risultato una granata americana ancora perfettamente attiva),  era stato sparato dagli Alleati che stavano risalendo da Greve in Chianti per raggiungere la città di Firenze, verso una postazione di tedeschi che, insediata in località “Il Mandorlo”, sparava con un cannone per fermare l’avanzata degli Alleati.

     

    Una postazione purtroppo molto attiva, tanto che fece anche due vittime civili: Dino Nesi (Adino) e Gino Pescini, uccisi da una cannonata tedesca mentre da Valigondoli si stavano recando, esultanti, a salutare i primi carri armati Alleati sbucati in cima alla strada.

     

    Era il 24 luglio del ’44: persero la vita a un passo dalla libertà. 

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...