spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Trema tutto il centro Italia: anche nel Chianti fiorentino torna la paura del terremoto

    Di nuovo al confine fra Umbria e Marche, magnitudo di 5.9: sentita anche in molti paesi del nostro territorio

    CHIANTI FIORENTINO – La paura corre lungo tutta la dorsale appenninica: dopo la scossa di terremoto di ieri, martedì 25 ottobre, con epicentro Castelfiorentino, che aveva riversato mezzo Chianti fiorentino nelle strade, altra giornata di tensione.

     

    Stavolta con scosse più a sud, in quel Centro Italia che dal 24 agosto scorso vive un incubo senza risveglio: la prima alle 19.11 quella con epicentro in provincia di Macerata, fra Castelsantangelo sul Nera e Visso, 5.4 di magnitudo.

     

    Non si era ancora spento l'eco e la paura ed ecco la seconda, a 5.9 a Ussita in provincia di Macerata: e stavolta tutto il centro Italia ha tremato, fino al Chianti fiorentino, Firenze… .

     

    Barbara dall'Antella ci dice che vive al primo piano "i lampadari dondolavano, bruttissimo". Anche a Grassina c'è chi ha tremato.

     

    Molti l'hanno sentita anche a San Casciano (Rossana Renzi, Grazia Becciolini, Laura Salvini, tutte raccontano del tremore e dei lampadari che dondolano). Alessio Ghiribelli dice: "Vista e sentita!".

     

    Anche quello di Sara Nencioni da San Donato in Poggio: "Ho alzato la testa e il lampadario dondolava…". Anche Alessandra e Luciana di Impruneta hanno visto i lampadari ondeggiare.

     

    Scosse lontane che arrivano fino a qui: e oltre alla paura, il pensiero va a chi in questo momento sta affrontando una prova davvero durissima da superare.

     

    NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...