spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Contagiati da Covid-19: previste le due dosi per chi si vaccina dopo sei mesi dal tampone positivo

    L'Asl Toscana sud est ha stabilito le nuove procedure per la vaccinazione delle persone che hanno contratto l'infezione da Sars-Cov-2

    SIENA – L’Asl Toscana sud est (quindi per le persone residenti nelle province di Siena, Arezzo e Grosseto) ha stabilito le nuove procedure per la vaccinazione delle persone che hanno contratto l’infezione da Sars-Cov-2.

    A una distanza compresa da tre a sei mesi dal tampone positivo sarà sufficiente effettuare una dose di vaccino per ottenere il Green pass europeo, oltre i sei mesi sarà necessaria la vaccinazione completa con la seconda dose.

    L’Asl Toscana sud est aveva previsto di effettuare le due dosi a chi avesse contratto l’infezione da almeno nove mesi, aderendo a un’interpretazione estensiva della circolare del 3 marzo 2021 del ministero della Salute sulla “Vaccinazione dei soggetti che hanno avuto un’infezione da SARS-Cov-2”, raccordandosi con la Regione Toscana.

    La circolare del ministero della Salute prevede per le persone con pregressa infezione da Covid 19 che “la vaccinazione venga eseguita ad almeno tre mesi di distanza dalla documentata infezione e preferibilmente entro i sei mesi dalla stessa”.

    La successiva introduzione della normativa per il rilascio del Green pass, che dopo i sei mesi dall’infezione rende necessaria la doppia dose di vaccino, ha determinato un divario tra le due indicazioni.

    L’Asl Toscana sud est, per superare questo problema, ha quindi deciso, in attesa di nuove indicazioni ministeriali, di prevedere la doppia dose di vaccino per coloro che hanno contratto l’infezione da almeno sei mesi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...