mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    “Juju’s flowers”: da oggi in piazza a Mercatale apre il negozio di fiori di Julie Anne Clemens

    La sfida di una donna che scommette nelle pontenzialità del centro storico mercatalino: "Invito tanti giovani a fare altrettanto!". Siamo andati a trovarla la mattina dell'inaugurazione

    MERCATALE (SAN CASCIANO) – Da oggi, domenica 18 ottobre, in piazza Vittorio Veneto a Mercatale si accenderà una nuova vetrina piena di colori.

    Con l’apertura del negozio di fiori “Juju’s flowers” di Julie Anne Clemens.

    Julie Anne, com’è nata la scelta di aprire un negozio a Mercatale in un periodo così particolare?

    “A febbraio 2020 sono rimasta senza lavoro, un giorno sono passata da Mercatale e mi sono innamorata di questo paese, tanto che decisi di comprare casa qui. Nel frattempo ho stretto una forte amicizia con Marta, che per tanti anni ha gestito un negozio di fiori. E passeggiando con lei in piazza Vittorio Veneto notai che tanti negozi erano chiusi”.

    Quindi…?

    “Così, vista la mia situazione, pensai: perché non dare un contributo a fare rivivere questa bella piazza visto anche la mia situazione di disoccupata? Come mi vedresti dietro il banco di un negozio di fiori? dissi a Marta. Così, dopo la sua riposta positiva e grazie alla sua esperienza e ai consigli ricevuti, ecco che si è realizzato questo sogno”.

    Ci sono state difficoltà?

    “Ammetto che non è stato facile, sono state tante le pratiche che ho dovuto sbrigare…”.

    Ha avuto incentivi per aprire il negozio?

    “Purtroppo no, perché non rientro nell’età di chi può avere le agevolazioni. Ecco perché invito i giovani senza un lavoro a provare, contribuendo così a dare nuova luce e colore a Mercatale”.

    Qui da Juju’s cosa si potrà acquistare?

    “Piante, sia da appartamento che da esterno, oggettistica, ma anche addobbi per cerimonie. Ho pensato anche a semplici pensierini dal costo minimo, fino al regalo importante”.

    C’è spazio anche per tanta fantasia…

    “Sì, tra le tante composizioni per esempio si può trovare il simpatico abbinamento di un cavolo in mezzo ad altri fiori, e fa la sua bella figura. Un’altra scelta è di rifornirmi il meno lontano possibile dalle nostre zone, senza andare oltre la Toscana”.

    C’è un segreto affinché i fiori possano durare a lungo?

    “Quello che farò, sarà di dare anche dei consigli ai clienti per far sì che le piante durino più a lungo. Sembrerà strano detto da una fioraia, ma la loro durata è il nostro successo. E il cliente sarà soddisfatto”.

    Gli orari di apertura?

    “Tutti i giorni, escluso il mercoledì giorno di chiusura, il negozio aprirà la mattina dalle 9 alle 13, mentre il pomeriggio dalle 16 alle 19.30; la domenica mattina dalle 9 alle 12.30”.

    Una curiosità, la scelta del nome del negozio?

    “Per un po’ ho fatto la baby sitter, e i bambini mi chiamavano Juju’s. E hanno continuato a chiamarmi così, compresi gli adulti, nel tempo. E’ un po’ un omaggio a chi ancora continua a chiamarmi così.

    “Juju’s flowers” è in piazza Vittorio Veneto 34, a Mercatale. Telefono 3281763563; e-mail [email protected]; sito web www.jujusflowers.com.

    Oggi, domenica 18 ottobre, dalle ore 9 in poi inaugurazione del negozio, ovviamente nel rispetto di tutte le normative anti Covid.  

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...