spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ritrovata nella sacrestia della chiesa di Sant’Andrea in Percussina

    E’ tornata al suo splendore e potrà essere nuovamente ammirata un’importante tela di Jacopo Ligozzi datata 1612, rimasta fino a pochi anni fa nella sacrestia della chiesa di Sant’Andrea in Percussina.

     

    Ma che da martedì 11 dicembre alle ore 17.30 troverà la sua sistemazione all’altare maggiore della chiesa di Sant’Andrea. All’inaugurazione parteciperanno il cardinale arcivescovo Giuseppe Betori, Massimiliano Pescini sindaco di San Casciano, Alessandra Marino Soprintendente per i Beni Architettonici Paesaggistici Storici Artistici ed Etnoantropologici per le Province di Firenze, Pistoia e Prato, l’ispettore di zona Maria Pia Zaccheddu, don Andrea Bigalli parroco della chiesa di Sant’Andrea. Oltre a Angela Matteuzzi che insieme alle colleghe dello studio del restauro e dipinti “L’Atelier” Beatrice Borgognoni e Lucia Cioppi, farà una relazione sul restauro.

     

    E, non certo per ultima, Nicoletta Matteuzzi che ha eseguito le ricerche sull’artista Jacopo Ligozzi e sulla presenza di questa tela nel comune di San Casciano. Ricerche che hanno un sapore di un “giallo” in quanto sono state trovate inserite all’interno del dipinto tre particolari che sembra riportino al paese di San Casciano, che non sveliamo, in quanto sono particolari ben descritti sulla collana n. 6 di Fili di perle diretta da Mèsy Bartoli, collana promossa dagli Amici del Museo di Impruneta e San Casciano in Val di Pesa “Marcello Possenti”, allo scopo di offrire un significato contributo alla valorizzazione del territorio.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...