spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Il vaccino è “dittatura” poiché in virtù di una mia scelta (legittima) vengo privato di libertà”

    "Da non vaccinato non vedo nei vaccini un'imposizione dittatoriale... se parliamo di vaccini obbligatori. Obbligo di vaccino? Sarei il primo della fila"

    Buonasera, se mi è possibile vorrei rispondere a R.B. che in data 2 gennaio ha pubblicato una sua opinione riguardo i vaccini.

    # “La Democrazia era libertà ritrovata. Oggi c’è chi insinua che il vaccino anti Covid sia dittatura”

    A parte il fatto che democrazia e libertà non hanno lo stesso significato, da non vaccinato non vedo nei vaccini un’imposizione dittatoriale.

    Anzi, come giustamente scrive R.B., in diverse occasioni ci hanno salvati da malattie che avrebbero messo in pericolo la nostra salute.

    Stiamo parlando di vaccini obbligatori (vaiolo, poliomielite), il vaccino a cui mi riferisco non lo è.

    Quindi, per legge, posso scegliere se farlo o meno.

    Viene considerata “dittatura” quando in virtù della mia scelta, comunque legittima, vengo privato della mia libertà.

    Libertà che solo l’autorità giudiziaria, previo processo, può ledere. 

    Al danno si aggiunge la beffa: per vaccinarmi devo firmare una liberatoria (è vero, si firma anche per operarsi di ernia, ma se decido di non operarmi posso andare comunque a mangiare al ristorante), è come stipulare un’assicurazione per l’auto firmando una liberatoria per la compagnia, le assicurazioni sarebbero gratuite.

    Ricapitolando, per il sig. R.B., obbligo di vaccino? Sarei il primo della fila.

    Luca Taiti

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...